domenica 27 maggio - Aggiornato alle 01:20

Sequestri Norcia, Moretti: «Avanti coi cantieri per Deltaplano e galleria negozi»

Capo della Prociv respinge timori: «Insediamenti consentiti da ordinanze. Castelluccio? C’è la Vinca e l’ok ministeri»

Rendering del Deltaplano di Castelluccio

di Chiara Fabrizi

«I cantieri del Deltaplano per i ristoranti di Castelluccio e della galleria commerciale per i negozi di Norcia vanno avanti». A dirlo è il capo della Protezione civile dell’Umbria, Alfiero Moretti, che allontana i timori nati intorno ai due interventi post sisma, dopo che la procura di Spoleto ha chiesto e ottenuto dal gip il sequestro del Centro Boeri di Norcia, iscrivendo al registro degli indagati l’archistar e direttore dei lavori Stefano Boeri e il sindaco Nicola Alemanno, per lui è il secondo avviso di garanzia dopo Casa Ancarano.

LE ACCUSE DEI PM
ALEMANNO: ABUSIVE PURE SAE E SCUOLE
VIA AL PROCESSO PER CASA ANCARANO

Avanti con galleria commerciale Proprio Alemanno, sotto la statua di San Benedetto, aveva manifestato preoccupazione sia per casette e scuole già realizzate, che per gli interventi al via per le strutture in cui prenderanno posto, da qui alla fine della ricostruzione, attività economiche terremotate. Sabato agli interrogativi di queste ore risponde Moretti: «Non c’è nessun timore da parte nostra stiamo lavorando come previsto dalle ordinanze di Protezione civile e i due insediamenti temporanei in questione sono espressamente disciplinati». In particolare, per la galleria commerciale dei negozi di Norcia «la ditta aggiudicataria – va avanti Moretti – sta realizzando il prefabbricato, poi si procederà col montaggio. Consegna? Stimiamo altri due mesi, condizioni meteorologiche permettendo».

VIDEO: INTERVISTA A ALEMANNO
FOTOGALLERY: CENTRO BOERI SOTTO SEQUESTRO
VIDEO: MENTANA DURISSIMO AL TG

Sul Deltaplano tutti d’accordo Qui, comunque, deve essere sistemata la strada di accesso che risulta completamente dissestata, nonostante sia già utilizzata dai residenti delle casette che sorgono vicino al cantiere della galleria commerciale. Stessi tempi di consegna, ossia entro fine maggio, anche per il Deltaplano destinato ai ristoranti di Castelluccio, progettato da un altro archistar, Francesco Cellini. Un intervento sensibile già modificato con la riduzione di un quarto dei volumi e l’eliminazione del parcheggio: «Per quest’opera temporanea e rimovibile – precisa Moretti – abbiamo ottenuto la Vinca (valutazione incidenza ambientale, ndr) dall’Ente Parco, mentre anche se non era necessario abbiamo acquisito i pareri favorevoli del ministero dell’Ambiente e dei Beni culturali». Insomma, gli stessi enti che avevano sollevato dubbi su Casa Ancarano e Centro Boeri, innescando i due fascicoli della procura e altrettanti sequestri preventivi, hanno detto sì al Deltaplano. Se basta ad allontanare spettri è difficile dirlo, anche perché il nodo della questione è legato alla temporaneità dell’opera.

@chilodice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.