mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 03:32

Pd, sciolta l’assemblea Verini convoca il nuovo organismo che porterà il partito al voto

Appuntamento lunedì a Perugia insieme a Orlando: dentro sindaci, segretari, consiglieri regionali, membri della Direzione e altri ancora

Walter Verini (foto ©Fabrizio Troccoli)

di Dan.Bo.

Anche se un nome preciso non c’è, quel che è sicuro è che dopo il commissariamento degli organi esecutivi e di quelli assembleari del Pd umbro, lunedì 15 farà il suo esordio il «luogo partecipato» che dovrà prendere le decisioni più importanti in vista delle regionali di fine novembre. L’appuntamento è per le 19 al Park Hotel di Ponte San Giovanni, dove è prevista la partecipazione anche di Andrea Orlando, cioè di colui che in queste settimane difficilissime si è occupato del caso umbro scoppiato dopo Concorsopoli. Di questo organismo faranno parte «segretari Pd delle città, sindaci, parlamentari e amministratori regionali, membri di organismi nazionali Pd e – spiega il commissario Walter Verini – personalità democratiche».

ECCO IL MANIFESTO DEL «CANTIERE CIVICO»

PSI PRONTO A LANCIARE BACCHETTA. DIBATTITO A SINISTRA

CENTRODESTRA, MELONI LANCIA SQUARTA

Un «luogo partecipato» L’obbiettivo sarà quello di «definire, insieme alle tante forze della comunità umbra, un progetto aperto e unitario, autorevole e innovativo per vincere la sfida delle regionali. Insieme al commissario, sarà il “luogo” partecipato – conclude Verini – che accompagnerà i democratici verso le elezioni regionali, con l’obiettivo di discutere e costruire percorsi e decisioni per scrivere pagine nuove della vita e del futuro dell’Umbria». Questo organismo è stato bocciato dai 104 marinian-bocciani che, da settimane, stanno contestando Verini chiedendo al contempo la convocazione dell’assemblea regionale, a loro avviso pienamente legittimata. Con la conferma del commissariamento di tutti gli organi da parte di Roma, però, è stata voltata pagina.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.