lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 03:03

Perugia, gli avvocati alla rincorsa del voto: «unità» è il denominatore comune dei programmi

Elezioni infuocate per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine tra telefonate al «carissimo collega» dimenticato, pioggia di messaggi Whatsapp e foto sui social

di Enzo Beretta

Si parla dell’«unità», che allo stato sembra non esserci, nei programmi elettorali delle principali liste concorrenti alle prossime elezioni del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Perugia. Mancano ormai pochi giorni – si vota il 24 e 25 gennaio dalle 9 alle 16 al piano -3 – gli schieramenti sono ben delineati ed è in pieno svolgimento la rincorsa al voto tra sorprendenti telefonate al «carissimo collega» con il quale a malapena ci si conosce oppure non ci si sente da una vita, un tumulto di sms sul filo della spunta blu di Whatsapp, puntate più o meno fortunate sulla roulette di Facebook per conquistare «like» che si spera diventino crocette, stoccate velenose al limite del deontologicamente tollerabile.

53 NOMI PER 21 POLTRONE AL CONSIGLIO DELL’ORDINE

Testa a testa E’ in questo ginepraio per certi versi assai poco rassicurante che 53 avvocati scendono in campo per contendersi 21 poltrone. Tre su cinque rimarranno fuori. Il secondo tempo della partita si giocherà in Consiglio: chi occuperà il trono del presidente? Nel testa a testa tra Francesco Falcinelli e Stefano Tentori Montalto viene escluso per questioni numeriche Ermes Farinazzo (storico numero uno dell’Aiga) a capo di una lista corta composta da appena cinque nomi.

Le quattro liste Quattordici nomi nella «lista Falcinelli» (Rinnovamento per l’unità dell’avvocatura), altrettanti in quella capeggiata da Tentori Montalto (Avvocatura unita), cinque con Farinazzo (il motto è ‘diamo voce a tutti gli iscritti’), dieci toghe legate alle associazioni (Insieme per l’avvocatura ha creato l’hashtag #CambiareDavvero) più gli altri candidati indipendenti. Umbria24 ha chiesto a ognuno di loro un programma. Insieme ai documenti attestanti le intenzioni sono arrivate in redazione anche lettere aperte agli iscritti. Abbiamo deciso di pubblicarli tutti insieme rispettando l’ordine alfabetico.

Lista associazioni Si impegnano a garantire un maggior coinvolgimento nella propria attività attraverso newsletter e osservatòri dedicati a segnalare disfunzioni e inefficienze i componenti della lista di cui fanno parte candidati legati ad Aiaf, Camera civile, Camera minorile e Movimento forense. Si tratta di Agnese Franceschini, Simona Garone, Francesca Giovacchino, Maurita Lombardi, Cristina Zinci, Francesco Bianchini, Cesare Carini, Francesco Cerotto, Mattia Masotti e Paolo Palumbo. Promettono di lavorare per migliorare i compensi professionali quindi «tutelare la dignità della professione», «promuovere opportunità di carriera» e «assicurare la rotazione degli incarichi» nell’attività di mediazione civile, arbitrati, amministrazioni di sostegno e curatele fallimentari.

Lista Falcinelli Fanno parte della lista Francesco Falcinelli, Delfo Berretti, Alessandro Bovari, Mauro Carboni, Claudio Cimato, Pier Paolo Davalli, Egidia Guarducci, Nada Lucaccioni, Nicola Marcinnò, Fabrizio Domenico Mastrangeli, Laura Modena, Ilaria Moretti, Nicola Mucci e Alessandra Ottaviani. Trasparenza, unità e rappresentatività sono i punti nodali. Oltre al «consolidamento del rapporto con la magistratura, alla valorizzazione delle relazioni con l’Università e con la Fondazione forense». Rientrano nel programma l’«apertura di una casella mail per acquisire segnalazioni e contributi» e il «coinvolgimento dei colleghi interessati nelle attività delle commissioni di lavoro».

Lista Farinazzo ‘Diamo voce a tutti gli iscritti’ è l’auspicio della lista composta da Ermes Farinazzo, Giuseppe Ferraro, Elena Cristofari, Daniela Casaccia e Mirca Sacchi. «Vogliamo che il Consiglio non sia più visto come una cosa lontana ad esclusivo appannaggio di pochi, prestigiosi ed affermati studi legali – si legge – bensì un organo al servizio di tutti gli avvocati, anche di quelli che sino ad oggi si sono sentiti meno rappresentati». Insomma, il Consiglio come «un luogo di ascolto dove trovare chiarimenti e aiuti».

Lista Tentori Montalto Il candidato presidente si schiera con Emilio Bagianti, Carlo Bizzarri, Massimo Brazzi, Francesca Brutti, Lino Ciaccio, Francesco Crisi, Vincenzo Maccarone, Paola Margiacchi, Laura Mariani Marini, Gabriele Minelli, Bruna Ronconi, Ilario Taddei e Maria Cristina Volpi. Nella lettera si parla di un’«avvocatura disillusa e fortemente divisa» ma anche dell’«esperienza consiliare che ha da sempre rappresentato un prerequisito imprescindibile per chi intende presiedere in modo efficiente la complessa macchina ordinistica». Tentori chiede «fiducia per questa nuova sfida» anticipando «un regolamento ad hoc per i lavori del Consiglio e delle commissioni», un’app per «veicolare news, ruoli e note d’udienza» più alcuni sportelli per i giovani avvocati e la fattura elettronica.

I commenti sono chiusi.