Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 15 aprile - Aggiornato alle 00:33

Vaccini Covid-19 nelle farmacie, M5s Terni: «Subito ‘modello Genova’ nelle comunali»

Atto d’indirizzo sul tavolo del sindaco: «Con più dosi disponibili, fondamentale incrementare sedi per la somministrazione»

Da martedì 30 marzo a Genova è partita la ‘vaccinazione sotto casa’, ovvero quella effettuata all’interno delle farmacie. La regione governata da Toti, la Liguria, ha di fatto anticipato gli effetti dell’accordo quadro firmato lunedì tra Federfarma, Assofarm, governo, Regioni e Province autonome che amplia la platea di chi potrà somministrare le dosi e che presto sarà recepito in tutta Italia, probabilmente entro fine mese. Per accelerare i tempi, «data la rapidità di diffusione del virus e la necessità di vaccinare quante più persone possibile – dicono i consiglieri ternani del M5s – è bene che il sindaco si attivi quanto prima per attivare il servizio vaccini nella rete delle farmacie comunali di Terni».

M5s Con un atto d’indirizzo, i pentastellati chiedono al primo cittadino Leonardo Latini di verificare a strettissimo giro, con i tecnici competenti, i punti vendita di FarmaciaTerni che abbiano i requisiti per somministrare le dosi di vaccino disponibili contro il Covid-19. «L’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del virus Sars-Cov-2 – osservano dal Movimento – ha reso indispensabile ed urgente la necessità di rafforzare strutturalmente la resilienza, la prossimità e la tempestività di risposta del Sistema sanitario nazionale, prevedendo l’implementazione delle attività assicurate dalla rete territoriale delle farmacie. Valutato che con l’aumentare della disponibilità dei vaccini è fondamentale aumentare il numero delle sedi vaccinali e garantire la massima capillarità sul territorio, non possiamo non tener conto di come il Comune di Terni disponga di una rete di farmacie di proprietà che, qualora ne avessero i requisiti, potrebbero svolgere questa importante attività per il comprensorio Ternano». Il messaggio rivolto al sindaco e alla sua giunta è forte e chiaro: «Affrettatevi».

 

I commenti sono chiusi.