Il pivot Chiarello, ex San Severo

di Mauro Sedda

Tre sconfitte consecutive e penultimo posto in classifica a quota 10. In casa Liomatic hanno certamente vissuto giorni migliori anche se le recenti prestazioni, come l’ultima contro Torino, fanno comunque ben sperare per il proseguo della stagione. Il prossimo impegno si chiama Cestistica San Severo, che i Grifoni affronteranno in trasferta domenica, palla a due alle ore 18.00, nel match valevole per la ventunesima giornata del campionato di Divisione Nazionale A. Il confronto, che sarà diretto da Scudiero di Milano e Chersicla di Erba, potrà inoltre essere seguito in radiocronaca web al link: http://www.sanseverosport.com/livematch.

L’avversario Due sono le lunghezze che separato i ragazzi di coach Fabrizi dalla compagine pugliese, sedicesima con 12 punti e reduce anch’essa da tre k.o. consecutivi. Il momento poco felice ha portato la scorsa settimana all’esonero di coach Millina, sostituito dall’esperto Luca Corpaci. Non sarà, in ogni caso, una passeggiata per la Liomatic Perugia. I pugliesi in casa (5 successi su 9) restano una formazione temibile e nella gara di andata al PalaEvangelisti riuscirono ad avere la meglio nel finale. I numeri parlano poi di una squadra piena zeppa di giocatori prolifici. La guardia Guaye viaggia con 16,3 punti a partita. Dalle mani del lungo Iannilli vengo fuori sia punti che rimbalzi (11 di media). Corpaci può contare anche su Scarponi e Maggio ma non su Maioli, da tempo infortunato e sostituito egregiamente da Del Brocco, ala/pivot classe ´83. Inoltre, domenica dovrebbe esordire il nuovo acquisto Zampolli, play/guardia classe 1985.

L’analisi di coach Fabrizi “Veniamo dalla partita di Torino con la coscienza di aver giocato una buona gara”, afferma l’allenatore della Liomatic. “Ci siamo allenati bene in settimana cercando di acquisire maggiore tranquillità in quelli che potrebbero essere i possessi chiave della partita. Ai miei ragazzi chiedo il solito impegno”. Cosa resta del match dell’andata? “In quell’occasione ci misero in difficoltà sfruttando le qualità dei propri esterni, bravi nella pressione difensiva e nel gioco lontano da canestro. Anche Iannilli e Maioli fecero un´ottima partita”. E domenica? “Per quanto riguarda l´aspetto tattico credo che saranno un po´ un´incognita, con il nuovo allenatore avranno sicuramente avuto la possibilità di integrare nuovi giochi e noi dovremo essere bravi ad adattarci durante il match”.

Partita chiave Insomma, sarà un match decisamente importante da entrambe le parti. Perugia vuole ricominciare a tradurre in punti quanto di buono fatto fino ad ora. I pugliesi devono assolutamente ritrovare il successo che permetterebbe loro di uscire dalla crisi. Quella di domenica sarà una sfida dal grande valore emotivo anche per il pivot biancorosso Paolo Chiarello, che nelle stagioni 2009/2010 e 2010/2011 ha vestito la canotta con i colori di San Severo.

Questo contenuto è libero e gratuito per tutti ma è stato realizzato anche grazie al contributo di chi ci ha sostenuti perché crede in una informazione accurata al servizio della nostra comunità. Se puoi fai la tua parte. Sostienici

Accettiamo pagamenti tramite carta di credito o Bonifico SEPA. Per donare inserisci l’importo, clicca il bottone Dona, scegli una modalità di pagamento e completa la procedura fornendo i dati richiesti.