di M.T.

Lasciano sgomenti anche i poliziotti i racconti di quanto questa donna è stata costretta a subire.

La ricostruzione E’ una magrebina che ha trovato il coraggio di denunciare tutto. Sono diversi gli episodi di violenza che la donna ha raccontato e che i poliziotti hanno avuto modo di confermare. Quando ad esempio la donna ha provato a chiedere i soldi per pagare la bolletta del gas, nella casa dove vive con 5 figli, la risposta è stata negativa. La donna quindi si è permessa soltanto di sottolineare come lui non abbia rinunciato a giocarsi il denaro alle slot machine, quanto basta per scatenare l’ira dell’uomo. «Ti ammazzo» e poi la sbatte a terra e la prende a calci sulla testa. Questo però è soltanto uno degli episodi di violenza accaduti.

I particolari I suoi rientri a casa in preda ai fumi dell’alcol sono motivo di grande paura e sofferenza in famiglia. Oltre ai maltrattamenti verbali, anche quelli fisici fino a quando «sono stata costretta a subire un rapporto sessuale violento – ha raccontato la donna – che mi ha provocato una grave emorragia».  Sono continuate le violenze confermate anche da diverse persone che conoscono questo dramma familiare. L’uomo, un 48enne magrebino è stato allontanato dalla casa famiglia.