martedì 23 luglio - Aggiornato alle 19:52

Perugia, la lotta dei forzisti per non farsi fagocitare dagli alleati: «Serve uno scatto d’orgoglio»

Presentata la lista di Forza Italia: «In politica contano i rapporti di forza, ci occorre un buon risultato»

I candidati al completo (foto F.Troccoli)

di Daniele Bovi

Il tema vero non è tanto la vittoria di Romizi, che da queste parti non viene messa in discussione, quanto la possibilità di avere un ruolo e di non sparire tra le fauci degli alleati. Martedì mattina alla sala della Vaccara di Palazzo dei Priori Forza Italia ha presentato la sua squadra di candidati in vista del voto del 26 maggio. Capolista sarà il coordinatore comunale Federico Mazzi che, insieme a quello provinciale Laura Buco e al consigliere regionale Roberto Morroni, hanno suonato la carica: «Bisogna cominciare a correre – ha detto Mazzi – come se non ci fosse un domani, così da poter garantire una vittoria forte a Romizi. La nostra è una lista giovane, dato che l’età media è 44 anni, e rappresentativa di professioni e territori, da Resina a Castel del Piano». Dentro ci sono i consiglieri uscenti come Massimo Perari, Antonio Tracchegiani, Armando Fronduti, Giacomo Cagnoli, Claudia Luciani e volti nuovi.

FOTOGALLERY: I CANDIDATI DI FORZA ITALIA

Nomi e timori Tra i forzisti si respira forte il timore di venir fagocitati, in particolare da Lega, Fratelli d’Italia e Progetto Perugia, la lista dentro la quale c’è l’area che fa riferimento all’ex forzista Pietro Laffranco; un paradosso, visto che si tratta del partito che esprime il sindaco uscente dato per vittorioso, in grado però di raccontare il momento di estrema difficoltà di Forza Italia. La doppia cifra da queste parti viene vista come un lontanissimo miraggio e c’è chi è pronto a scommettere che alla fine, in caso di vittoria, Fi potrebbe eleggere uno o due consiglieri, con la speranza di farne entrare un secondo o un terzo magari ottenendo un assessorato.

RECORD A PERUGIA: TUTTI I 631 CANDIDATI

Passaggio importante A dar voce ai timori forzisti è Morroni: «Questo passaggio elettorale – dice – è straordinariamente importante. Militanti ed elettori sono chiamati a uno scatto d’orgoglio, dato che l’appartenenza si misura quando ci sono situazioni un po’ più complicate, quando c’è da pedalare in salita. Serve una consistenza elettorale robusta dato che in politica contano i rapporti di forza e quindi i voti». «Lo scenario non ci mette paura – gli ha fatto eco un Romizi che si è detto molto soddisfatto della lista – ci metteremo determinazione». Di seguito la lista completa.

ECCO L’ORDINE SULLA SCHEDA ELETTORALE

La lista Federico Mazzi, Massimo Perari, Antonio Tracchegiani, Armando Fronduti, Giacomo Cagnoli, Claudia Luciani, Maria Luisa Baroni Calabro, Gessica Becchetti, Lucia Bella, Antonella Iose Bencivenga, Noemi Bevilacqua, Anna Rita Bianchi, Mila Breccolenti, Sara Capponi, Michele Cesaro, Roberto Cianella, Elisa Chiabolotti, Emanuela Datteri, Gianluca Di Nunzio, Monia Filippetti, Armando Flores Rodas, Giacomo Giacché, Maria Chiara Giraldo, Barbara Goracci, Tiziana Guidone, Anna Maria Marucci, Martina Massicci, Pierluigi Milone, Ilaria Moretti, Mario Provvidenza, Lucia Sada e Massimo Ziarelli.

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.