domenica 8 dicembre - Aggiornato alle 00:04

Trasporti pubblici, addio al pagamento dell’Iva: Regione risparmierà 10 milioni all’anno

Dopo anni di attesa l’Agenzia delle entrate ha detto sì all’interpello di Umbria mobilità: risorse decisive per il tpl umbro

Un autobus con la vecchia livrea di Umbria mobilità (foto F.Troccoli)

di Dan.Bo.

Un passo in avanti fondamentale per Umbria mobilità e in generale per il tpl umbro. Atteso da lunghissimo tempo, è arrivato nelle ultime ore il via libera da parte dell’Agenzia delle entrate all’interpello che riguardava l’ex azienda unica regionale dei trasporti, che diventerà Agenzia regionale per la mobilità. Attraverso questa procedura era stata fatta una richiesta semplice: non sottoporre a Iva i costi del trasporto pubblico, mossa che annualmente farà risparmiare quasi 10 milioni di euro. Queste risorse saranno centrali per la Regione per riportare in equilibrio il sistema del tpl umbro, già vittima nel corso dell’estate di una serie di tagli pesanti; mesi durante i quali proprio la questione dell’Iva è stata al centro della discussione tra la vecchia giunta, l’azienda che ora si occupa dei trasporti nella regione (Busitalia) e i Comuni che hanno dovuto digerire obtorto collo i tagli. Le risorse faranno comodo già a partire dal 2020, quando decisiva sarà la partita che riguarderà la gara unica per l’affidamento del servizio, anche questa attesa da lunghi anni.

Chianella «Grande soddisfazione» in una nota la esprime l’ex assessore regionale ai trasporti Giuseppe Chianella, che parla di «un passaggio non semplice né scontato». Chianella ringrazia «tutti coloro che hanno lavorato perché questo risultato fosse anche alla portata della Regione Umbria a cominciare da Umbria mobilità Tpl, l’amministratore unico, il direttore e tutti gli uffici coinvolti così come i funzionari della Regione, tutti coloro che con me hanno condiviso ogni passaggio sino al confronto assolutamente fondamentale avuto a Roma nel settembre scorso con i dirigenti della Agenzia delle entrate. Questo risultato testimonia quanto è stato serio e rigoroso il lavoro svolto dalla Regione nel settore dei trasporti e delle infrastrutture, un settore vitale per la nostra regione; spero che chi amministrerà l’Umbria faccia tesoro di questo e altri risultati positivi conseguiti nel corso degli anni».

Twitter @DanieleBovi

I commenti sono chiusi.