Il punto vendita di Magione

Una relazione sulle potenzialità della sede di Magione del Mercatone Uno. A consegnarla, al ministero dello Sviluppo economico, è stato nei giorni scorsi il sindaco della città lacustre Giacomo Chiodini dopo che, all’inizio di settembre, è andata deserta la prima procedura di evidenza pubblica attraverso la quale i commissari straordinari hanno cercato un acquirente per tutti e 80 i punti vendita della società. In attesa che venga definito il nuovo bando Chiodini ha incontrato Cristina Reali, funzionaria delle gestioni commissariali del Ministero alla quale ha consegnato la relazione. E a proposito del nuovo bando il sindaco non nasconde quelle che sono le sue preoccupazioni, in particolare in vista di una possibile penalizzazione del sito di Magione. «Siamo convinti che il negozio di Magione possa avere un buon riscontro – dice – anche se non si può nascondere il timore di una procedura più flessibile in cui alcuni punti vendita, come nel nostro caso in cui il gruppo non è proprietario dell’immobile di vendita, potrebbero essere penalizzati».

Il documento «Nel documento consegnato al Mise – aggiunge il sindaco sono stati riassunti i punti di forza della sede di Magione, l’unica della catena in Umbria: visibilità dalla superstrada e centralità geografica; nuovi investimenti in viabilità con la rotatoria allo svincolo già finanziata da privati e Regione; presenza di un cavidotto di proprietà comunale per fibra ottica; rafforzamento del polo commerciale con l’apertura di un nuovo negozio nelle vicinanze; presenza di immobili di proprietà diretta del marchio (magazzino e torretta per la formazione dei dipendenti). Elementi che ho portato all’attenzione del Ministero a conferma dell’appetibilità della sede, nella quale lavoravano 40 persone ora in cassa integrazione. Rapporti in merito alla vicenda Mercatone Uno proseguono intanto con i tre commissari, in particolare con Vincenzo Tassinari». A seguire la vertenza, oltre al sindaco, sono Valerio Natili per la Fisascat Cisl e il servizio politiche industriali e di competitività del sistema produttivo della Regione Umbria tramite l’assessore regionale Fabio Paparelli. Sono inoltre informati degli sviluppi alcuni parlamentari umbri come Giampiero Giulietti, Walter Verini e il senatore Gianluca Rossi.

Questo contenuto è libero e gratuito per tutti ma è stato realizzato anche grazie al contributo di chi ci ha sostenuti perché crede in una informazione accurata al servizio della nostra comunità. Se puoi fai la tua parte. Sostienici

Accettiamo pagamenti tramite carta di credito o Bonifico SEPA. Per donare inserisci l’importo, clicca il bottone Dona, scegli una modalità di pagamento e completa la procedura fornendo i dati richiesti.