Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 6 dicembre - Aggiornato alle 11:07

C’è uno dei più grandi produttori di vino della California che ha scelto l’Umbria

La leggendaria azienda Heitz di Napa oggi fa vino umbro

C’è uno dei più grandi produttori di vino della California che ha scelto Todi. Parla di lui, un giornalista Rober Camuto, in un articolo pubblicato il 24 giugno da Wine Spectator. Parliamo di uno dei membri della legendaria cantina degli Heitz e lui è Rollie che insieme a sua moglie Sally ha venduto quello che rimaneva della gloriosa azienda di famiglia per venire a produrre vino umbro, in età di pensione.

L’andamento del mercato in california e la storia delle cantine boutique del Napa avrebbero obbligato a una vita di costosi affitti, i due quindi, hanno preferito la libertà.  Quella della Tenuta Montorsolo, adagiata su una scogliera sulla campagna umbra. Sono a lavoro sulla quarta annata della sua etichetta di vino Concinnate nella denominazione Todi di 12 anni, dove le varietà rosse primarie sono Sangiovese e Merlot e la varietà bianca principale è il Grechetto. Hanno superato la pandemia e qualche incidente di percorso e credono molto in questa loro nuova produzione.

Wine Specator scrive: «La mossa rappresenta il secondo grande trasferimento in carriera di Heitz dal suo nido familiare. Negli anni ’90, dopo aver lavorato presso Heitz Cellar per quasi 20 anni e aver supervisionato la crescita dei vigneti di proprietà da 30 a 350 acri, si è messo in proprio come enologo. Nel 2000, insieme a Sally, ha fondato Midsummer Cellars, producendo 1.000 casse all’anno di Cabernet Sauvignon monovigneto, oltre a rosati di Grenache e Viognier.

Poi, un decennio fa, Heitz ricevette la visita di Ev Thomas, un artista californiano che aveva iniziato a produrre vino sul serio vicino a Todi. ‘Quello che stavano facendo qui era a dir poco attraente’, commenta Heitz. ‘In circa cinque minuti, abbiamo deciso di fare un’offerta’, afferma. ‘Qui l’alcol non è visto come il grande male che è negli Stati Uniti’, dice Heitz con una risatina. ‘Né è visto come una grande fonte di entrate’».

I commenti sono chiusi.