mercoledì 16 ottobre - Aggiornato alle 22:26

Umbria scarsa di iodio? Nasce il pomodoro iodato. E’ già in produzione: ecco dove

Ideale per chi deve seguire regime alimentare senza sale e per chi così può avere una regolare assunzione di iodio lontano dal mare

Un ‘pomodoro iodato’, ancora più salutare, è stato protagonista al mercato di Campagna Amica di Perugia, dove ha attirato la curiosità e l’apprezzamento da parte dei consumatori che frequentano i banchi dei produttori Coldiretti del territorio. «Il prodotto – spiega Coldiretti – è frutto di una sperimentazione in corso all’interno del progetto Multinet finanziato dalla Regione Umbria nell’ambito della Misura 16.1 del P.S.R. regionale 2014/2020 sui gruppi operativi per l’innovazione. Nel progetto Multinet, che vede Coldiretti Umbria tra i partner, sono coinvolti il dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, di Medicina, Ingegneria civile e ambientale e Scienze politiche dell’Università di Perugia».

Per saperne di più «Alla sperimentazione del pomodoro naturale – riferisce Coldiretti – si è puntato anche in considerazione della risaputa carenza di iodio di molte zone interne dell’Umbria. L’utilità di questo pomodoro – sottolinea Coldiretti – deriva proprio dall’assunzione dello iodio in esso contenuto e precedentemente distribuito al momento della coltivazione con un’apposita metodologia di irrigazione da parte dell’agricoltore. Un’alternativa in più all’uso del comune sale da cucina iodato, ma soprattutto utile a quanti devono assolutamente privarsi di sale nella propria dieta e per un’assunzione regolare di iodio anche in zone lontane dal mare». «La coltivazione del pomodoro iodato è stata effettuata a Narni all’azienda orticola di Federico Leonardi. Dopo la sperimentazione in campo – aggiunge Coldiretti – si auspicano altrettanto lusinghieri risultati dalla ‘sperimentazione in corsia’, soprattutto per definire le giuste quantità per un ampio beneficio nelle diete dei diversi pazienti e in generale dei consumatori». «Si tratta – ribadisce Coldiretti – di iniziative importanti, che pongono innanzitutto l’attenzione sul legame tra una corretta alimentazione e benessere fisico, ma che permettono di valorizzare anche il lavoro delle imprese agricole costantemente impegnate a proporre ai cittadini prodotti di qualità, del territorio, che fanno bene all’ambiente e alla salute. A sostenere il percorso di qualificazione di quest’offerta alimentare di eccellenza anche in Umbria – conclude Coldiretti – ci sono proprio i mercati degli agricoltori, non più solo un luogo di consumo, ma anche di educazione, socializzazione, cultura e solidarietà, con la loro diffusione che tocca grandi e piccole città del Paese, grazie alla Fondazione Campagna Amica che ha realizzato la più vasta rete di vendita diretta a livello mondiale».

I commenti sono chiusi.