giovedì 14 novembre - Aggiornato alle 00:09

Umbria protagonista al concorso corale di ‘Città di Vittorio Veneto’, pluripremiato Libercantus

Primo premio per miglior programma, secondo per ‘Polifonia sacra e terzo in ‘Polifonia profana’

Il Libercantus Ensemble diretto da Vladimiro Vagnetti è stato premiato al 53° concorso nazionale corale ‘Città di Vittorio Veneto’ svoltosi nei giorni 4 e 5 maggio scorsi con il ‘premio speciale per il migliore programma’ attribuito a quello proposto nella categoria ‘polifonia sacra’ e si è inoltre qualificato al secondo posto nella categoria ‘polifonia sacra’ e al terzo nella categoria ‘polifonia profana’. Apprezzato anche il programma presentato nella categoria ‘Palio delle regioni’ intitolato ‘L’eredità di Jacopone’ comprendente una serie di composizioni che si richiamano principalmente al testo dello ‘Stabat mater’. Lo spirito dell’Umbria mistica del Medioevo vive ancora nello Stabat mater, sequenza attribuita a Jacopone da Todi: il programma ha proposto dapprima la parafrasi del testo in una veste polifonica quattrocentesca conservata nel Ms G20 della biblioteca Civica Augusta di Perugia, poi l’antica lauda drammatica ‘Dove vai matre Maria?’, che risuona ancora nei vicoli dei borghi umbri duranti i riti della Settimana Santa ed infine le declinazioni del testo ad opera di compositori contemporanei tra i quali Palmo Liuzzi, Piero Caraba, attuale direttore del Conservatorio di Perugia e il perugino Carlo Pedini, con una composizione dedicata, lo scorso anno, al Libercantus Ensemble. Il loro ultimo album ‘Fratres’, incentrato sui brani eseguiti nei concerti della Sagra Musicale Umbra e sui rapporti tra musica sacra di ambito luterano ed ambito cattolico, è disponibile su tutte le piattaforme digitali.

I commenti sono chiusi.