Quantcast
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 19:06

Terremoto Centro Italia, l’esperto Ingv: «Stessa linea di faglie da Norcia ad Amatrice all’Aquila. Nuove scosse? Non si possono escludere»

Carlo Meletti a ‘Repubblica’: «Avevamo avvertito la protezione civile di possibili nuovi terremoti in zona. Sistema perturbato ma non c’è effetto domino»

Le scosse del 18 gennaio all'Aquila

«Sono sicuramente terremoti tutti allineati lungo una stessa linea di faglie che parte dall’Aquila e arriva verso Visso e Ussita». È una sequenza ininterrotta, secondo Carlo Meletti, responsabile del Centro di pericolosità sismica dell’Ingv, quella che parte dal terremoto di Amatrice del 24 agosto scorso, passa per i forti sismi di Visso e Ussita prima e di Norcia poi, fino ad arrivare alle ultime scosse dell’Aquila. «Si è attivata la parte meridionale della faglia sismica – spiega a Repubblica -, la cosiddetta faglia di Campotosto, che aveva registrato delle scosse dopo il terremoto dell’Aquila del 2009 e che nelle settimane scorse era tornata a far registrare dei tremori. Questo piccolo sciame era in diminuzione, ma avevamo comunque avvertito che non potevano essere esclusi nuovi terremoti nell’area».

MAPPA INTERATTIVA: MIGLIAIA DI SCOSSE IN POCHI KM
FOTOGALLERY: SCUOLE EVACUATE A PERUGIA

Faglie vicine Meletti parla di stessa linea di faglie contigue: «Dal punto di vista sismologico – sottolinea – tutti questi sismi hanno caratteristiche simili: stessa profondità e stessa dinamica». Ma non di effetto domino. «Da Amatrice – evidenzia – la sequenza di scosse si è spostata prima verso nord, poi è tornata a sud verso Norcia, nelle settimane scorse aveva dato degli eventi verso Montereale e Pizzoli e ora ha colpito di nuovo verso L’Aquila. Di sicuro in quella zona c’è un sistema che continua a essere perturbato». E sul futuro, nessuna previsione: «Per quanto basse, le probabilità di altri eventi più forti non possono essere escluse».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.