Quantcast
lunedì 26 settembre - Aggiornato alle 09:22

Odiatori on line, da oggi avete un nemico: si chiama React

Ha per simbolo ‘Pacman’ e si arma di analisi dettagliata, contronarrazione e condivisioni di pratiche di successo. Scopri di più

Si chiama React, per simbolo sceglie Pacman e per missione, combattere l’odio on line. React sta per ‘Respect and equality: acting and communicating together’. Dopo un periodo di monitoraggio e analisi degli atti di incitamento all’odio online e l’identificazione di esempi di contronarrativa, il progetto prevede l’elaborazione di un sistema di ‘best practices’ (migliori pratiche da prendere in esempio) per la realizzazione di attività formative che possano diffondere la media literacy (alfabetizzazione ai media) tra i giovani.

SCOPRI DI PIU’ SU REACT

Approfondimento Il progetto prevede tra le proprie attività il monitoraggio degli atti di incitamento all’odio online e l’identificazione e registrazione di esempi di contro narrativa; studio e scambio di best practices tra attori chiave su azioni positive per contrastare l’incitamento all’odio, sui meccanismi per facilitare la segnalazione dei casi e potenziare la visibilità degli interventi di contronarrativa; attività formative per diffondere la media literacy tra i giovani; campagna di diffusione e sensibilizzazione. I risultati attesi dal progetto sono l’elaborazione di dati riguardanti gli episodi online di incitamento all’odio ed esempi di contronarrativa che faranno da base per la costruzione della campagna di sensibilizzazione; la definizione di strumenti e meccanismi di facile utilizzo per segnalare casi di hate speech (incitamento all’odio) online; condivisione e diffusione di azioni positive. Il progetto è finanziato dalla Commissione europea, all’interno del programma ‘Rights, equality and citizenship’.

Per saperne di più

www.reactnohate.eu

Organizzatori
Arci nazionale
Fondazione Cittalia
Associazione Carta di Roma
UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali)
Ligue de l’enseignement (Francia)
Ligue des droits de l’homme (Francia)
Race in the Agenda (UK)
Aik Saath (UK)
SOS Racismo Gipuzkoa (Spagna)
Università di Barcellona (Spagna)
Università di Vic (Spagna)
AWO (Germania)

I commenti sono chiusi.