Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 2 luglio - Aggiornato alle 20:31

Un museo e una sede per la storica squadra di calcio del Città di Castello

Adunata dei tanti calciatori da tutta italia che vi hanno fatto parte e anche dei dirigenti. Tanta commozione

La storia quasi centenaria dell’Ac Città di Castello, fatta di migliaia di partite, di 96 squadre differenti che hanno disputato tutti i campionati dilettantistici e semiprofessionistici, di una delle più prolungate presenze nel campionato nazionale di serie D ha da ieri sera una propria casa ed un proprio museo permanente, con tanti cimeli, foto e documenti da chi li ha raccolti in due libri “cult” del calcio tifernate. Questo spazio è stato infatti dedicato all’autore di tanto lavoro Siviero Sensini, storico del calcio tifernate. La giornata dell’orgoglio biancorosso, (presentata dal giornalista Paolo Puletti), è stata così ribattezzata dai numerosi presenti e tifosi in tanti coi capelli bianchi, occhi lucidi e ricordi.

Tutto questo lo si deve ad un gruppo promotore di “Ex biancorossi Ac Città di Castello” coordinato da Fiorenzo Luchetti e che vede in prima fila gli ex calciatori di quella epopea come Edoardo Giorgi, Sandro Tosti, Olinto Forlucci, Luigi Bogliari, Guido Savini, Roberto Borsi, Adriano Banelli, Giuliano Mambrini, Stefano Bacchi, Lucio Bernardini, Giuseppe Bernicchi, Giancarlo Marini, Carlo Magnani, Francesco Panfili ed altri. Una festa che ha avuto tanti momenti per certi versi pieni di commozione, di ricordo, di orgoglio e soprattutto la felicità di poter mostrare alla città questo museo, che è ospitato nel centralissimo loggiato Bufalini, nella sede degli “Amici della piazza”. Al taglio del nastro erano presenti tanti ex calciatori arrivati da varie parti d’Italia che hanno indossato in varie epoche la maglia biancorossa (fra i quali Federico Giunti e Lucio Bernardini) c’erano tanti ex dirigenti (le famiglie Renzacci, Caldei e Bacchi) e nel saluto portato da Fiorenzo Luchetti a nome di tutti gli ex giocatori ci sono stati tanti ringraziamenti, ma soprattutto si sono anche raccolte parole importanti come quelle di Silvano Ramaccioni, in collegamento da Milano, che ha iniziato la sua carriera di dirigente sportivo e team-manager, proprio dall’Ac Città di Castello e poi al Perugia e al Milan dove l’ha conclusa all’insegna di successi storici. Il popolare “Rama” con la sua solita signorilità ha salutato con soddisfazione la bellissima iniziativa nata in maniera ammirevole con il desiderio «di voler costudire ricordi, testimonianze e cimeli del passato glorioso biancorosso in una sede prestigiosa nel cuore della città dove i tifosi potranno avere da ora un punto di riferimento», ha concluso Ramaccioni orgogliosamente tifernate rappresentato in loco dal fratello Tommaso super tifoso da sempre del Città di Castello. A lui è stata assegnata la tessera numero uno del club seguito da Giuliano Mambrini, oltre 500 presenze, vecchia gloria e bandiera biancorossa.

Un grazie è stato rivolto all’amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata nel concedere questo spazio, ma sono stati lo stesso sindaco Luca Secondi con l’assessore allo sport Riccardo Carletti e diversi altri amministratori, a rivolgere il loro grazie a chi ha voluto questa iniziativa e aver ridato visibilità alla storia dell’Ac Città di Castello e aver scelto di intitolarlo a Siviero Sensini davvero un nome immortale nella storia del calcio tifernate. Da oggi in poi si susseguiranno iniziative. Qualcuno alla fine ha provato con la voce rotta dall’emozione ad intitolare il coro che mille volte ha cantato allo stadio, “Tiferno, Tiferno”, ed e’ scattato un applauso scrosciante. «Ringrazio tutti coloro che a vari livelli hanno collaborato alla buona riuscita di questa iniziativa spontanea e sentita, in particolare alla famiglia Sensini per aver concesso il prezioso materiale di archivio che costituisce le fondamenta di un progetto in cantiere aperto al contributo di tifosi e amanti del calcio, ai soci dell’associazione Amici della Piazza al comune di Città di Castello e a Mario Casacci, storico collaboratore biancorosso che ha fattivamente lavorato all’allestimento della sede», ha dichiarato Fiorenzo Luchetti subito dopo il taglio del nastro prima della visita alla sede con accanto Giancarlo Marini, gli altri promotori del comitato organizzatore, il sindaco Luca Secondi e l’assessore allo Sport, Riccardo Carletti seguiti da numerosi tifosi ed intervenuti alla bella manifestazione

I commenti sono chiusi.