Quantcast
mercoledì 28 settembre - Aggiornato alle 01:11

Tim Cup, il Perugia sogna il blitz a Udine: «Occasione per crescere»

Giovedì trasferta in Friuli. Breda svela la formazione e lancia Emmanuello, Dossena e Falco: «Vedo l’intensità giusta nei ragazzi»

Roberto Breda, allenatore del Perugia (foto Fabrizio Troccoli)

di Daniele Sborzacchi

«Una bella partita. In uno stadio di serie A, contro un avversario di grande tradizione. Per noi deve essere un’occasione di crescita». Roberto Breda presenta con entusiasmo e convinzione la sfida del suo Perugia all’Udinese (giovedì ore 18, diretta RaiSport), valevole per il quarto turno di Tim Cup. Gara secca in trasferta per i Grifoni, che in caso di colpaccio si ritroverebbero a giocare il turno successivo (19 dicembre) in casa del Napoli capolista in serie A guidato da un ex, Maurizio Sarri.

Convinzione «La cosa più importante, in partite come queste, è cercare di fare quello che sappiamo, sfruttando la chance per crescere ancora mettendo in campo la giusta convinzione. Sappiamo di dover migliorare in molti aspetti, soprattutto in quello dell’interpretazione della gara a seconda della situazione in cui ci troviamo. Ma nei ragazzi vedo l’atteggiamento giusto unito alla convinzione di poter fare bene – continua Breda -. Anche a Terni sono stati bravi a recuperare, a rimanere in partita ed a raggiungere il pareggio. E poi la partita di Udine dovrà segnare una tappa importante per presentarsi al meglio anche lunedì prossimo, nella delicata sfida contro l’Ascoli».

Formazione A differenza di altre occasioni, Breda svela in pratica la formazione, annunciando che non saranno della trasferta friulana lo squalificato Volta e il febbricitante Monaco, più Del Prete che rientrato a Terni deve ancora recuperare per intero la forma fisica ottimale. Davanti a Rosati giocheranno Zanon, Belmonte, Dossena e Pajac. Quindi in mediana Bianco, Colombatto ed Emmanuello con Falco a supporto di Cerri e Mustacchio. Un po’ di turnover, «anche per vedere all’opera i giocatori che sinora ho impiegato di meno, e che so daranno il massimo», chiude l’allenatore del Perugia. Che zitto zitto medita un bel colpaccio, di quelli da ricordare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.