Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 25 ottobre - Aggiornato alle 11:25

Qualche fiammata e Grifo sotto tono, pari col Cosenza

In gol Rosi e pareggio di Situm, prestazione opaca dei biancorossi nel finale in superiorità numerica

L'imperioso stacco di Rosi per il gol biancorosso ©️Fabrizio Troccoli

di Daniele Sborzacchi

Niente slancio per il Perugia. Contro il Cosenza al Curi qualche fiammata ed un pareggio che non può soddisfare la squadra di Alvini. Gioco frammentario, poca incisività offensiva, un bel gol di Rosi ma i lupi silani degli ex Goretti e Zaffaroni, orgogliosi e tenaci, escono fuori alla distanza strappando il meritato 1-1. La sensazione è che i biancorossi debbano ancora trovare una precisa fisionomia in campo; ma certo, dopo la bella prestazione di Frosinone, un passo indietro e la consapevolezza che bisogna migliorare sotto molti aspetti. Ad iniziare da mercoledì, in casa della Cremonese, nel primo turno infrasettimanale del campionato.

FOTOGALLERY – Perugia stoppato dal Cosenza, pareggio al Curi

La partita Pronti via e il Grifo ha subito la ghiotta chance per sbloccare la partita. L’impeto degli uomini di Alvini si nota subito, ma a consentire lo slancio di Carretta verso Vigorito è un clamoroso svarione di Sy. Il grande ex si presenta davanti all’estremo silano da posizione defilata, il suo tocco mancino è neutralizzato così come pochi minuti dopo il destro volante di Murano, respinto in maniera provvidenziale dal portiere ospite. La contesa sembra subito incanalarsi verso una trama precisa: Cosenza a chiudere spazi e Perugia col bandolo della matassa in mano. Solo che col passare dei minuti i rossoblù prendono le misure e non solo, trovano anche il modo per mettere il naso fuori dalla propria tre-quarti: prima un colpo di testa di Gori (para Chichizola), poi un tocco in area di Rigione (alto) e quindi la punizione del tuttofare Palmiero smanacciata in angolo dal portiere biancorosso, che sugli sviluppi blocca pure la conclusione velleitaria, ma in bello stile, di Vaisanen. Poi tanti falli, diversi cartellini col Miele di Nola apparso molto (troppo) fiscale e poco altro. Troppo poco in fin dei conti per un Perugia in versione opaca.

VIDEO – PALLONATE Mariano e Sborzacchi: Perugia ancora in cerca della sua identità

A caccia dei tre punti Ci vuole un sussulto allora, a capirlo perfettamente è capitan Rosi in versione Superman. Splendido il suo stacco aereo sul corner di Burrai, con il difensore biancorosso che svetta in maniera perentoria portando in vantaggio il Grifo ad inizio ripresa. Il gol ha effetto improvviso anche nel morale, così i ragazzi di Alvini provano ad affondare i colpi: Matos ‘spizza’ di testa mandando in porta Lisi, che sbilanciato da un difensore calcia a lato solo davanti a Vigorito. Il Cosenza non ci sta, tenta comunque di fare qualcosa di più dopo il bel finale di primo tempo. La palla buona capita sui piedi di Caso, abile a divincolarsi in dribbling ma non altrettanto nella conclusione in area (centrale). Dall’altra parte è Kouan a ‘ciccare’ il destro volante su assist di Falzerano; la partita resta viva ed aperta ai colpi di scena. Manco a dirlo con una splendida giocata di Situm, arriva il pareggio dei lupi. L’esterno croato si accentra in area e scarica il sinistro sotto l’incrocio, dove Chichizola non può arrivare. Il Grifo sbanda, Gori fa venire i brividi al Curi scagliando un gran destro verso Chichizola (che respinge), poi ancora Boultam costringe il portiere biancorosso alla deviazione in angol. Insomma, Perugia un po’ sulle gambe nel finale. In soccorso arriva il rosso a Palmiero per doppia ammonizione, ma la spinta di Burrai e compagni è poco convinta ed il pari è inevitabile.

PERUGIA – COSENZA 1-1
PERUGIA (4-3-1-2): Chichizola; Rosi (34′ st Curado), Angella, Sgarbi; Falzerano, Burrai, Segre (1′ st Santoro), Lisi (24′ st Ferrarini); Kouan (39′ st Murgia); Carretta, Murano (1′ st Matos). A disp.: Fulignati, Righetti, Gyabuaa, De Luca, Ghion, Vanbaleghem, Zanandrea. All.: Alvini.
COSENZA (3-5-2): Vigorito; Tiritiello, Vaisanen, Rigione; Situm, Palmiero, Carraro, Boultam (19′ st Vallocchia), Sy (19′ st Corsi); Gori (45′ st Gerbo), Caso (32′ st  Millico). A disp.: Saracco, MAtosevic, Pandolfi, Kristoffersen, Venturi, Pirrello, Minelli, Eyango. All.: Zaffaroni.
ARBITRO: Miele di Nola (assistenti Grossi – Affatato, IV ufficiale Ubaldi. Var Prontera – Muto)
MARCATORI: 6′ st Rosi, 22′ st Situm
NOTE: Spettatori 3500, di cui 330 nel settore ospite. Espulso al 39′ st Palmiero (C) per doppia ammonizione. Ammoniti Lisi (P), Angella (P), Segre (P), Ferrarini (P),  Santoro (P), Boultam (C). Angoli 2-3. Recupero pt 2′, st 6′.

I commenti sono chiusi.