Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 30 gennaio - Aggiornato alle 04:00

Panchina vacante Ternana, si stringe il cerchio: spunta il nome di Andreazzoli

Il patron Bandecchi: «Nuovo allenatore individuato al 99%, negli ultimi cinque anni ha espresso il massimo di se stesso»

foto: Ternana Calcio

di Federico Bobbi

«Momentaneamente la Ternana è in cerca di un nuovo allenatore e al 99% è stato individuato. Abbiamo rispettato tutto ciò che ci eravamo detti e continueremo la nostra operazione nell’andare avanti in una fase di miglioramento. Sarà un allenatore che negli ultimi cinque anni ha espresso forse il massimo di se stesso, vediamo». Con queste poche parole dette in una storia sul suo profilo Instagram il presidente della Ternana, Stefano Bandecchi, ha di fatto annunciato il prossimo allenatore delle Fere. Le tante voci – su tutti quella di Sky Sport – portano ad un solo nome: Aurelio Andreazzoli.

Toto-nomi Nonostante nei giorni scorsi il principale indiziato sembrava essere l’ex centrocampista rossoverde Roberto D’Aversa (aspetta una chiamata dalla Serie A, Ndr), la situazione di ‘stallo’ in casa Genoa ha agevolato la trattativa in favore dei rossoverdi. Andreazzoli, infatti, era in ballottaggio con l’ex Spezia Nenad Bjelica per sedere nuovamente sulla panchina dei rossoblù al posto di Blessin ma il tedesco ancora non è stato esonerato. L’ex Empoli avrebbe vinto il ballottaggio anche con Beppe Iachini, quest’ultimo non convinceva troppo. Dopo Cristiano Lucarelli, dunque, si prospetta un altro tecnico toscano alla guida della Ternana. Il tecnico a breve dovrebbe firmare un contratto fino a giugno 2024.

L’identikit di Andreazzoli Classe 1953, nativo di Massa. Tecnico di sicura esperienza anche in categoria superiore all’inizio come collaboratore tecnico di Luciano Spalletti all’Udinese e poi alla Roma dal 2003 al 2009. Nel 2011 viene richiamato dalla società capitolina per ricoprire il medesimo ruolo nello staff di Vincenzo Montella, poi di Luis Enrique e Zdeněk Zeman. Nel febbraio del 2013, in seguito all’esonero del tecnico ceco, gli viene affidata momentaneamente la guida tecnica della compagine giallorossa. Nel 2017 sostituisce Vincenzo Vivarini sulla panchina dell’Empoli in Serie B portando la società toscana alla vittoria del campionato. Due anni più tardi, dopo la retrocessione proprio con gli azzurri, firma con il Genoa ma la parentesi è breve in quanto viene sollevato dall’incarico a causa di cinque punti ottenuti in otto gare. Nel giugno del 2021 torna sulla panchina dell’Empoli nella massima serie (firmando un contratto annuale con opzione in caso di salvezza) con cui raggiunge un tranquillo 14esimo posto. L’anno successivo, però, la società non lo conferma.

I commenti sono chiusi.