Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 25 luglio - Aggiornato alle 10:37

Allo Junior via alle ‘quali’ del torneo internazionale, tanti umbri in gara

Da domenica parte l’ITF F.B.M Memorial Poppy Vinti. In main draw anche il beniamino di casa Passaro

Tutto pronto allo Junior

L’attesa è finita. Scatta un nuovo appuntamento internazionale per il tennis umbro con la prima edizione dell’ITF F.B.M TENNIS TOURNAMENT – Memorial Poppy Vinti, torneo maschile con montepremi di 15mila dollari che fino a domenica 25 luglio catalizzerà l’attenzione degli appassionati. Tanti talenti in azione per quello che è un evento fortemente voluto dallo Junior Tennis Perugia anche per ricordare Rodolfo ‘Poppy’ Vinti, storico fondatore del club di via XX settembre scomparso lo scorso marzo. I primi giorni saranno dedicati al tabellone di qualificazione, da martedì entra in scena anche il Main Draw ed il torneo di doppio.

I commenti Tanti i motivi di interesse della rassegna, come spiega il direttore del torneo Andrea Grasselli: «Siamo davvero orgogliosi di questo avvenimento che darà modo agli amanti della racchetta di vedere all’opera giovani sicuri protagonisti di domani per quello che è il primo passo nelle loro carriere professionistiche». «Lo staff è pronto e desideroso di regalare una settimana di grande spettacolo – aggiungono i Maestri Roberto Tarpani, Stefano Lillacci e Francesco Vazzana -. Torna il tennis internazionale allo Junior, ci tenevamo a dedicarlo a ‘Poppy’ che nei primi anni ’80 portò qui per cinque anni gli Internazionali d’Italia femminili. Per noi è stato come un padre, lo ricorderemo sempre con grande piacere». Il primo favorito del torneo perugino è lo svedese Dragos Nicolae Madaras, nr. 550 del ranking mondiale, seguito dall’argentino Juan Pablo Paz (nr. 586) e dal brasiliano Daniel Dutra da Silva (nr. 591). La pattuglia italiana è guidata dal talento di casa Francesco Passaro, cresciuto proprio allo Junior Tennis Perugia; altri azzurrini da tenere d’occhio tra gli altri Luca Nardi, Federico Arnaboldi e Luciano Darderi.

I commenti sono chiusi.