Quantcast
venerdì 22 ottobre - Aggiornato alle 18:19

Venerdì a Umbria jazz: concerti, palchi, orari, biglietti. Protagonista Wayne Shorter con l’Orchestra da camera di Perugia

Dal Morlacchi al Santa Giuliana, dai giardini Carducci a piazza IV Novembre fino alla Galleria nazionale dell’Umbria, tutti gli appuntamenti della giornata

Wayne Shorter

di A.G.

Galleria nazionale dell’Umbria La giornata a Umbria jazz inizia con lo speciale format ‘Jazz goes to the museum’: appuntamento mattutino alle 12.00 nella sala Podiani della Galleria nazionale con Alessandro Lanzoni e Gabriele Evangelista duo. Alessandro Lanzoni, fiorentino, pianista, diplomato al conservatorio ‘Cherubini’, ha ricevuto nel 2013  il premio ‘Top Jazz’ della rivista Musica Jazz come miglior nuovo talento dell’anno. Gabriele Evangelista, senese, contrabbassista, diplomato al conservatorio di Livorno, prima di dedicarsi al jazz ha suonato musica classica, anche come solista di contrabbasso. Attualmente è spesso presente nei gruppi di Enrico Rava, membro sia del quintetto ‘Tribe’ che del ‘New 4et’. Insieme, Lanzoni ed Evangelista sono a fianco di Roberto Gatto nella formazione del trio.

UMBRIA JAZZ 2017, LA MAPPA DELLE JAM SESSION

Bottega del vino Come ogni anno, l’enoteca e ristorante ospita concerti da accompagnare con un buon bicchiere di vino o un piatto gourmet. Alle 13.00 esibizione del duo Kim Prevost & Bill Solley, affine secondo Jazz Times alla coppia Ella Fitzgerald – Joe Pass. Dalla Louisiana, figlia di un pastore cresciuta con il gospel ma con un orecchio anche al r&b, oggi Kim Prevost si colloca a metà strada fra la pura jazz singer e il raffinato soul di Sade. Vincitrice dell’importante premio ‘Jazz Discovery,  di recente è stata ospite in studio dei Nine Inch Nails. In Umbria Kim si esibisce in duo con il chitarrista Bill Solley, laureato all’università di New Orleans e più volte votato come miglior chitarrista della città. Musicista molto eclettico, suona con la stessa competenza jazz, fusion, musica brasiliana. Alle 19.00 concerto di Max Gallo Quartet. Torinese, Max Gallo studia chitarra dall’età di tredici anni, innamorato del jazz dopo aver ascoltato i grandi dello strumento come George Benson, Wes Montgomery e Pat Martino. Gallo si è formato a Milano sotto la guida di Filippo Daccò e ha poi collaborato, tra gli altri, con Scott Hamilton, John Riley, Byron Landham, Luciano Milanese, Attilio Zanchi, Riccardo Fioravanti, Gianni Cazzola.

Arena Santa Giuliana e teatro Morlacchi Concerti a pagamento sia all’arena Santa Giuliana che al teatro Morlacchi. La programmazione dell’arena si apre alle 19.30 sul Restaurant stage con Kim Prevost & Bill Solley, che lasciano poi la ribalta all’attesissimo Wayne Shorter, affiancato da Danilo Perez, John Patitucci, Brian Blade e, nel progetto speciale ‘Emanon’, dall’Orchestra da camera di Perugia diretta da Clark Rundell (ore 21.00).  Uno dei più carismatici jazzmen in attività, protagonista della storia della musica afroamericana, Wayne Shorter torna a Perugia con il suo quartetto, attivo dal 2001, e con un nuovo progetto che ne sottolinea il talento di compositore. Con lui  sul palco dell’arena Santa Giuliana salirà una formazione “classica” (l’Orchestra da camera di Perugia) per eseguire un lavoro complesso e ambizioso, che confluirà in un disco di prossima uscita per la Blue Note con la Orphaeus Chamber Orchestra. La piece ‘Emanon’ consiste in tre movimenti (‘Pegasus’, ‘Prometheus Unbound’, ‘The Three Marias’) ed è ispirata dalla passione di Shorter per la fantascienza e la mitologia. Con il disco sarà pubblicata anche una originale graphic novel di Randy DuBurke, che che andrà poi ad arricchire il concerto live di ‘Emanon’ come componente visuale. Non è la prima volta che Shorter, la cui fama come compositore non è inferiore a quella di solista e leader, si misura con scritture dal respiro “sinfonico”: a Shorter sono stati commissionati lavori originali Los Angeles Philharmonic, Royal Concertgebouw Orchestra, Chicago Symphony Orchestra, Lincoln Center Jazz Orchestra, La Jolla Music Society, Detroit Symphony Orchestra, Prague Philharmonic e Lyon Symphony. ‘Wing Dance – Mannam’ è il titolo di uno spettacolo certamente non comune, che Umbria Jazz presenta come esempio di una possibile collaborazione tra culture diverse: alle 17.00 il teatro Morlacchi sarà lo scenario dell’incontro tra Pan Cultural Music Ensemble e Umbria Ensemble. Prodotto da Umbria Ensemble con Istituto culturale coreano e University of California, il progetto intende gettare un ponte fra tradizioni apparentemente inconciliabili attraverso il jazz e le tecnologie. Un trio di musicisti coreani con strumenti popolari (flauti, percussioni, corde), un classico quartetto d’archi e una jazz band: tre micro-ensemble che dialogano per scoprire un linguaggio comune. Come ospite del format ‘round midnight torna Francesco Cafiso, non più come l’enfant prodige capace di impressionare anche artisti come Wynton Marsalis, ma come musicista maturo che al sorprendente talento di performer ha saputo aggiungere quelli di compositore, arrangiatore e leader. Il punto di svolta è stato probabilmente l’album ‘3’, una raccolta di tre cd, ciascuno con una differente formazione, in cui Cafiso ha dato prova di essere diventato un musicista completo e originale. Progetto che affonda le radici in jazz, swing e blues, il suo ‘Nonet’ vede coinvolti musicisti di spessore, dotati di particolari caratteristiche tecniche e timbriche, a cui sono concessi ampi spazi di improvvisazione. Il repertorio è interamente composto dai brani originali di ‘3’, arrangiati per questo organico.  

L’ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA CON WAYNE SHORTER. L’INTERVISTA
WAYNE SHORTER E HERBIE HANCOCK AL SANTA GIULIANA. LA GALLERY
WAYNE SHORTER E HERBIE HANCOCK AL SANTA GIULIANA. IL VIDEO

Piazza IV Novembre Cuore pulsante di Umbria jazz, piazza IV Novembre ospita tradizionalmente concerti gratuiti. Dopo l’esibizione della marching band Funk Off, dalle 11.30 e dalle 18.30 itinerante lungo le vie del centro storico, alle 19.00 sul palco della piazza il terzo classificato del concorso per under 35 Conad jazz contest e, alle 21.00, concerto degli Huntertones, capaci di improvvisare spaziando tra jazz, funk, soul, hip hop e rock. Alle 23.00 chiusura con Jz All stars, prima band cinese a esibirsi a Umbria jazz, espressione del Jz festival di Shanghai. Da due anni Umbria jazz è presente in diverse regioni e città della Cina con una intensa attività di promozione del jazz italiano, che l’anno scorso si è concretizzata nella realizzazione di un vero e proprio festival di una settimana a Chengdu, una delle più importanti metropoli cinesi. La scorsa edizione estiva, inoltre, ha ospitato tra i concerti di mezzogiorno nella Galleria nazionale dell’Umbria il giovane pianista A Bu, ma questa è la prima volta che a esibirsi è un vero gruppo. Il leader è il sassofonista tenore e soprano Alec Haavik, americano che, dalla natia New York, si è trasferito a Shanghai.

Giardini Carducci Un altro palco storico con live gratuiti, dove si tengono i concerti più trascinanti e si tira fino a tardi. La giornata dei giardini Carducci inizia alle 13.00 con Accordi disaccordi, trio che rilegge la tradizione manouche con un approccio swing-gypsy nella formula a due chitarre e contrabbasso, seguiti alle 14.30 da Sugarpie & the Candymen, divertente band che rivisita il buon vecchio swing in chiave moderna. Alle 16.00 la musica di New Orleans è declinata al femminile con Shake ‘em up jazz band, ensemble di sole donne che rievoca con vivacità e freschezza la grande tradizione musicale della patria del jazz, con una formazione che include tromba, trombone e clarinetto, più una sezione  ritmica che si caratterizza per l’uso del washboard. Dopo il trascinante live di Sammy Miller and the congregation (ore 17.30), alle 19.00 largo ai giovani talenti delle clinics del Berklee college at Umbria jazz. Alle 21.00 seconda esibizione di Sugarpie & the Candymen, alle 22.30 si replica con Shake ‘em up jazz band e a mezzanotte Gangbé brass band farà incontrare il juju dell’Africa occidentale e la musica tradizionale vudù con il jazz ed il tipico suono delle big band. Chiusura di serata all’01.00 con Delta wires blues band, formazione fedele allo spirito del blues, interpretato con energia e senso dello spettacolo.

UMBRIA JAZZ CLINICS, MASTERCLASS DI WILSON E NASH. IL VIDEO
UMBRIA JAZZ CLINICS, MASTERCLASS DI WILSON E NASH. LA FOTOGALLERY

Info biglietti Box office Centro servizi camerali ‘Galeazzo Alessi’ (via Mazzini 9,   +39 3917423869 +39 3917423870)  dal 7 al 16 luglio dalle 10.00 alle 19.00. Box office arena santa Giuliana per ritiro biglietti prenotati dal 7 al 16 luglio dalle 17.00 alle 23.00. I possessori di un biglietto per qualsiasi concerto di Umbria Jazz dal 1° al 23 luglio avranno diritto all’ingresso ridotto per la visita alla Galleria Nazionale dell’Umbria. Punti vendita Umbria jazz: Ticketitalia (Umbria), Go2 (Campania), Boxoffice (Lazio), Boxoffice (Toscana), Boxoffice (Sicilia).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.