Quantcast
domenica 9 maggio - Aggiornato alle 12:23

Umbria Jazz, i 40 anni festeggiati nel «salotto» di casa con Funk Off e istituzioni

di Daniele Bovi
Twitter @DanieleBovi

La festa dei 40 anni si svolge nel salotto di casa. E’ infatti nella sala dei Notari di Perugia che Umbria Jazz ha festeggiato tra musica, ricordi e uno sguardo al futuro il quarantennale del festival. Una festa in musica: poco dopo le 18.30 di sabato infatti, accompagnati dai ragazzi della Berklee i Funk Off sono entrati nel cuore della città sulle note di When the Saints go marching in e, dopo, su quelle di «Svegliandosi a Umbria Jazz», il brano appositamente composto dalla band per Uj e che da 11 anni è una delle protagoniste della rassegna con le street parade quotidiane e i concerti, seguitissimi, sul palco di piazza IV Novembre.

FOTOGALLERY – LA FESTA ALLA SALA DEI NOTARI
VIDEO 

Il libro Sui tavoli della sala dei Notari c’è poi «Posters. Umbria Jazz nei posters dei suoi Festival», il libro (edito da Archi’s, 168 pagine, 25 euro) presentato sabato e che ripercorre la storia di Uj attraverso i suoi poster, dal primo del 1973 a quello del 2013. L’introduzione del volume è affidata a Paolo Occhiuto ed è arricchita dagli interventi del fondatore della manifestazione, Carlo Pagnotta, dal presidente della Fondazione Umbria Jazz Renzo Arbore e, ancora, dai testi a firma del critico musicale Marco Molendini, che accompagnano ciascuna immagine descrivendo brevemente l’edizione cui si riferisce.

VIDEO – INTERVISTA A RENZO ARBORE

La festa Molendini, Arbore e Pagnotta presenti in un’affollata sala insieme a tanti curiosi e al sindaco Wladimiro Boccali, la presidente della Regione Catiuscia Marini e l’assessore alla Cultura della Provincia di Perugia Donatella Porzi. «Il mio ringraziamento – ha detto Boccali – va a chi ha creato questa manifestazione e a chi, comprese le istituzioni, l’ha sostenuta nel corso degli anni. Umbria Jazz è anche un pezzo importante della candidatura di Perugia a Capitale europea della cultura 2019, un’avventura che abbiamo deciso di intraprendere perché pensiamo di avere davanti più futuro che passato». «Per noi è una manifestazione giovanissima – ha detto invece la presidente Marini -. Nel 1973 la Regione aveva appena tre anni e appoggiamo un’idea straordinaria. Un grande grazie va anche a tutti gli artisti che l’hanno resa grande».

Una replica a “Umbria Jazz, i 40 anni festeggiati nel «salotto» di casa con Funk Off e istituzioni”

  1. Pitsart Foulard D'arte ha detto:

    Buona musica a tutto il mondo jazz 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.