Quantcast
martedì 19 ottobre - Aggiornato alle 14:45

Martedì a Umbria jazz: concerti, palchi, orari, biglietti. Al Santa Giuliana Rava e il tributo a Gillespie di Bosso

Dal Morlacchi all’Arena, dai giardini Carducci a piazza IV Novembre fino al Conservatorio, tutti gli appuntamenti di oggi

Rava al santa Giuliana per Umbria jazz
Enrico Rava/Tomasz Stanko 5et

di A.G.

Bottega del vino Come ogni anno, l’enoteca e ristorante ospita concerti da accompagnare con un buon bicchiere di vino o un piatto gourmet. Alle 13.00 esibizione del duo Kim Prevost & Bill Solley, affine secondo Jazz Times alla coppia Ella Fitzgerald – Joe Pass. Dalla Louisiana, figlia di un pastore cresciuta con il gospel ma con un orecchio anche al r&b, oggi Kim Prevost si colloca a metà strada fra la pura jazz singer e il raffinato soul di Sade. Vincitrice dell’importante premio ‘Jazz Discovery,  di recente è stata ospite in studio dei Nine Inch Nails. In Umbria Kim si esibisce in duo con il chitarrista Bill Solley, laureato all’università di New Orleans e più volte votato come miglior chitarrista della città. Musicista molto eclettico, suona con la stessa competenza jazz, fusion, musica brasiliana. Alle 19.00 concerto di Max Gallo Quartet e Hikari Haoki. Torinese, Max Gallo studia chitarra dall’età di tredici anni, innamorato del jazz dopo aver ascoltato i grandi dello strumento come George Benson, Wes Montgomery e Pat Martino. Gallo si è formato a Milano sotto la guida di Filippo Daccò e ha poi collaborato, tra gli altri, con Scott Hamilton, John Riley, Byron Landham, Luciano Milanese, Attilio Zanchi, Riccardo Fioravanti, Gianni Cazzola. Hikari Aoki ha deciso di diventare una cantante di jazz dopo aver assistito ad alcuni concerti al Capolinea, il locale di Milano, e ha studiato a New York con Philip Hamilton, già vocalist del Pat Metheny Group. Da allora ha inciso sei dischi e ha frequentato i maggiori jazz club del Giappone. Da segnalare una sua partnership con Ron Carter, uno dei monumenti del contrabbasso jazz.

UMBRIA JAZZ 2017, LA MAPPA DELLE JAM SESSION

Galleria nazionale dell’Umbria Appuntamento mattutino con lo speciale format ‘Jazz goes to the museum’: alle 12.00 concerto di Vincent Peirani (fisarmonica) ed Èmile Parisien (sassofono). Trentasette anni il primo, trentacinque il secondo, sono da iscrivere di diritto tra i capifila della nuova generazione del jazz francese. Con una solida formazione accademica alle spalle ed entrambi innamorati del jazz sin da giovani, cercano di innovarne il linguaggio senza mai trascurarne le radici, con l’orecchio rivolto anche alle tradizioni musicali transalpine. Hanno suonato insieme nel quartetto di Daniel Humair, importante esponente del jazz francese.

Conservatorio ‘Francesco Morlacchi’ I concerti nell’auditorium del Conservatorio ‘Morlacchi’ coinvolgono studenti e docenti dell’istituzione perugina. Il programma del secondo appuntamento di martedì 11 luglio (ore 17.00) prevede Anna Lince in ‘How My Heart Sings’, ‘Insieme Tre’ di Alessandro Bravo, ‘Manuel Magrini Solo’ e ‘The Biennials’.

Arena Santa Giuliana e teatro Morlacchi Concerti a pagamento sia all’arena Santa Giuliana che al teatro Morlacchi. La programmazione dell’arena si apre alle 19.30 sul Restaurant stage con Kim Prevost & Bill Solley, che precedono il doppio concerto di Enrico Rava – Tomasz Stanko 5et e della Fabrizio Bosso & Paolo Silvestri orchestra ‘The Champ’ to Dizzy (ore 21.00). ‘European trumpet legends’ è la sigla con cui si presenta il quintetto (inedito) costituito da Enrico Rava e Tomasz Stanko. I due trombettisti appartengono alla generazione che ha contribuito alla completa e definitiva maturità del jazz nel vecchio continente, favorendone l’emancipazione dai modelli americani, fino a quel momento dominanti. Rava e il trombettista polacco hanno in comune anche le numerose incisioni per l’etichetta Ecm di Manfred Eicher e la partecipazione, negli anni ’70, alla famosa Globe Unity Orchestra fondata da Alexander von Schlipplenbach, sigla che metteva insieme i migliori talenti europei per liberarne la creatività e superare i consueti schemi delle orchestre jazz. Rava ha scelto come pianista Giovanni Guidi e Stanko ha portato con sé la sezione ritmica del suo quartetto “americano”, Reuben Rogers e Gerald Cleaver. Dopo l’omaggio a Duke Ellington, il nuovo progetto di Fabrizio Bosso celebra un’altra icona della storia del jazz: il più grande trombettista dell’era del bebop e uno dei più importanti in assoluto, Dizzy Gillespie è stato anche più volte ospite del festival nelle prime edizioni. Per il suo omaggio a Dizzy, in scena in prima assoluta a Umbria jazz, Bosso ha scelto la dimensione orchestrale: Gillespie militò in molte orchestre che scrissero la storia del jazz, al fianco di Cab Calloway, Lionel Hampton, Earl Hines, Billy Eckstine, oltre alle numerose big band a suo nome. Accanto a Bosso uno specialista dell’orchestrazione come Paolo Silvestri, già nel progetto ‘Duke’ e nel disco di Fabrizio ‘You’ve changed’, pubblicato da Blue Note nel 2007. Al teatro Morlacchi il genio di Frank Zappa rivive alle 17.00 con Riccardo Fassi Tankio band plays Frank Zappa. Frank Zappa è morto da due anni quando, nel 1995, Riccardo Fassi con la Tankio Band (fondata nel 1983) incide per la Splash Records ‘Plays the music of Frank Zappa’, uno dei primi omaggi al genio iconoclasta, tra i più eccentrici e rivoluzionari della musica del ‘900. Un artista che sfugge a ogni definizione, in nome della più assoluta libertà tra rock, pop, avanguardia, jazz, blues, cabaret. Tastierista, arrangiatore e leader, Fassi ripropone il progetto a Umbria jazz, con la partecipazione straordinaria di Napoleon Murphy Brock, cantante e sassofonista, membro delle Mothers of Inventions. Ospite del format ‘round midnight Jacob Collier, esordiente con un sold out nell’edizione 2016 di Umbria jazz. Quincy Jones, uno dei primi a scoprire il suo talento, parla del ventiduenne londinese come di “un genio assoluto”. Oggi Collier ha all’attivo un album, ‘In my room’, e due Grammy Awards. Dotato di una vocalità eccezionale, è capace di passare con disinvoltura da tastiere e sintetizzatori al pianoforte, dal basso elettrico alle chitarre alla batteria e alle percussioni. Come ha scritto The Guardian a proposito di un suo passaggio al Ronnie Scott’s, Collier riesce a creare una “one man band digitale”, grazie a talento, dedizione ed esperienze “colte”, come un’apparizione alla Royal Opera House.

UMBRIA JAZZ 2016, ENRICO RAVA NEW QUARTET E STEFANO DI BATTISTA. LA GALLERY
UMBRIA JAZZ 2016, L’OMAGGIO DI BOSSO A DUKE ELLINGTON. IL VIDEO
UMBRIA JAZZ 2016, FABRIZIO BOSSO AL TEATRO PAVONE. LA GALLERY

Piazza IV Novembre Cuore pulsante di Umbria jazz, piazza IV Novembre ospita tradizionalmente concerti gratuiti. Dopo l’esibizione della marching band Funk Off, dalle 11.30 e dalle 18.30 itinerante lungo le vie del centro storico, alle 19.00 sul palco della piazza Harmcore jazz band e, alle 21.00, concerto di Gangbé brass band, ensemble del Benin che coniuga il juju dell’Africa occidentale e la musica tradizionale vudù con il jazz ed il tipico suono delle big band. Alle 23.00 chiusura con Delta wires blues band, formazione fedele allo spirito ed alla forma del blues, interpretato con energia e senso dello spettacolo.

Giardini Carducci Un altro palco storico con live gratuiti, dove si tengono i concerti più trascinanti e si tira fino a tardi. La giornata dei giardini Carducci inizia alle 13.00 sul Conad stage con Sugarpie & the Candymen, divertente band che rivisita il buon vecchio swing in chiave moderna. Alle 14.30 Accordi Disaccordi propongono il loro mix di swing e gypsy nella formula a due chitarre e contrabbasso, mentre alle 16.00 la musica di New Orleans è declinata al femminile con Shake ‘em up jazz band, ensemble di sole donne che rievoca con vivacità e freschezza la grande tradizione musicale della patria del jazz, con una formazione che include tromba, trombone e clarinetto, più una sezione  ritmica che si caratterizza per l’uso del washboard. Dopo l’esibizione dei finalisti di Conad jazz contest, concorso per talenti under 35 (ore 17.30), alle 19.00 è il turno del trascinante live di Sammy Miller & the congregation. Alle 20.30 si replica con Sugarpie & the Candymen, alle 22.00 con Shake ‘em up jazz band, alle 23.30 con gli Huntertones e all’01.00 con Sammy Miller & the congregation.

Info biglietti Box office Centro servizi camerali ‘Galeazzo Alessi’ (via Mazzini 9,   +39 3917423869 +39 3917423870 )  dal 7 al 16 luglio dalle 10.00 alle 19.00. Box office arena santa Giuliana per ritiro biglietti prenotati dal 7 al 16 luglio dalle 17.00 alle 23.00. I possessori di un biglietto per qualsiasi concerto di Umbria Jazz dal 1° al 23 luglio avranno diritto all’ingresso ridotto per la visita alla Galleria Nazionale dell’Umbria. Punti vendita Umbria jazz: Ticketitalia (Umbria), Go2 (Campania), Boxoffice (Lazio), Boxoffice (Toscana), Boxoffice (Sicilia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.