Quantcast
martedì 19 ottobre - Aggiornato alle 13:42

Giovedì a Umbria jazz: concerti, palchi, orari, biglietti. Valdes, Rubalcaba, McBride e l’omaggio a Ella Fitzgerald

Dal Morlacchi al Santa Giuliana, dai giardini Carducci a piazza IV Novembre fino alla Galleria nazionale dell’Umbria, tutti gli appuntamenti della giornata

Christian McBride

di A. G.

Galleria nazionale dell’Umbria La giornata a Umbria jazz inizia con lo speciale format ‘Jazz goes to the museum’: appuntamento mattutino alle 12.00 nella sala Podiani della Galleria nazionale con Gabriele Mirabassi e Roberto Taufic. Clarinettista perugino, Mirabassi ha spaziato a lungo tra jazz e musica classica contemporanea, per arrivare a coltivare un intenso rapporto d’amore con la musica brasiliana. Roberto Taufic è honduregno, figlio di genitori palestinesi e cresciuto nel Rio Grande do Norte. Da tempo stabile e molto attivo in Italia, come chitarrista Taufic ha saputo aggiungere alla musica brasiliana i suoni del mondo. Due diversi percorsi umani e artistici, accomunati però da una visione della musica basata sul dialogo e sulla scoperta del patrimonio musicale brasiliano, confluita nel disco ‘Um Brasil differente’ pubblicato tre anni fa, in cui scelgono temi e autori in equilibrio tra scrittura colta e radici popolari.

UMBRIA JAZZ 2017, LA MAPPA DELLE JAM SESSION

Bottega del vino Come ogni anno, l’enoteca e ristorante ospita concerti da accompagnare con un buon bicchiere di vino o un piatto gourmet. Alle 13.00 esibizione del duo Kim Prevost & Bill Solley, affine secondo Jazz Times alla coppia Ella Fitzgerald – Joe Pass. Dalla Louisiana, figlia di un pastore cresciuta con il gospel ma con un orecchio anche al r&b, oggi Kim Prevost si colloca a metà strada fra la pura jazz singer e il raffinato soul di Sade. Vincitrice dell’importante premio ‘Jazz Discovery,  di recente è stata ospite in studio dei Nine Inch Nails. In Umbria Kim si esibisce in duo con il chitarrista Bill Solley, laureato all’università di New Orleans e più volte votato come miglior chitarrista della città. Musicista molto eclettico, suona con la stessa competenza jazz, fusion, musica brasiliana. Alle 19.00 concerto di Max Gallo Quartet. Torinese, Max Gallo studia chitarra dall’età di tredici anni, innamorato del jazz dopo aver ascoltato i grandi dello strumento come George Benson, Wes Montgomery e Pat Martino. Gallo si è formato a Milano sotto la guida di Filippo Daccò e ha poi collaborato, tra gli altri, con Scott Hamilton, John Riley, Byron Landham, Luciano Milanese, Attilio Zanchi, Riccardo Fioravanti, Gianni Cazzola.

UMBRIA JAZZ E CONSERVATORIO, LA PAROLA AGLI STUDENTI

Arena Santa Giuliana e teatro Morlacchi Concerti a pagamento sia all’arena Santa Giuliana che al teatro Morlacchi. La programmazione dell’arena si apre alle 19.30 sul Restaurant stage con Kim Prevost & Bill Solley, prima del live di Chucho Valdes e Gonzalo Rubalcaba, seguiti da Christian McBride’s New Jawn (ore 21.00). Due gran coda, uno di fronte all’altro, e alla tastiera due autentici virtuosi del pianoforte. Cinque Grammy e tre Latin Grammy il primo, quattro Grammy il secondo. Chucho Valdes è semplicemente uno dei più influenti artisti cubani di sempre, nonché grande interprete della musica latina. Fondatore e leader degli storici Irakere, di cui recentemente è stato festeggiato il quarantesimo anniversario, è stato lui a ridefinire i tratti identitari della musica cubana degli ultimi anni, introducendo afro-jazz, rock e tradizioni popolari. Gonzalo Rubalcaba è di una generazione più giovane e ha alle spalle un’eccellente formazione classica ma, nello stesso tempo, ha assorbito fin da ragazzo il folclore caraibico e il jazz americano. Rubacalba ha così sviluppato una straordinaria abilità nel far coesistere ritmo e melodia, che ha conquistato grandi jazzmen come Dizzy Gillespie e Charlie Haden e il presidente di Blue Note, Bruce Lundvall. New Jawn (termine praticamente intraducibile dell’area di Philadelphia) è l’ultima band di Chris McBride, contrabbassista di inarrivabile virtuosismo e musicalità, tra le personalità più stimate della musica americana. Quattro Grammy vinti a 45 anni, più di 300 dischi registrati di ogni genere. Questo straordinario musicista, a suo agio sia con il contrabbasso che con il basso elettrico, è ammirato e riconosciuto per tecnica, eclettismo per la sua naturale musicalità. Tra i tanti, è stato al fianco di Freddie Hubbard, Sonny Rollins, J.J. Johnson, Milt Jackson, McCoy Tyner, Roy Haynes, Chick Corea, Herbie Hancock, Pat Metheny, o di star del soul come James Brown, Chaka Khan, Isaac Hayes, Natalie Cole, di popstar come Sting, Paul McCartney, Carly Simon e di esponenti dell’hip-hop/neo-soul come The Roots, D’Angelo, Queen Latifah e perfino a sostegno di cantanti di estrazione classica come Kathleen Battle. McBride è anche un leader che scrive e arrangia ottima musica, non solo uno strumentista virtuoso, e in questo è stato accostato da molti a Ray Brown.  Alle 17.00 il Conservatorio si trasferisce al teatro Morlacchi per “Raggin’ the classics’. L’orchestra del conservatorio, con la direzione e gli arrangiamenti di Mario Raja, proporrà una rivisitazione di brani classici in chiave jazz. Sul palco quasi ottanta persone: gli iscritti dei corsi di jazz del Conservatorio, un’orchestra d’archi con le prime parti suonate dai docenti e il gruppo degli insegnanti di jazz del Conservatorio, tutti jazzisti noti e attivi (Marta Raviglia, voce; Pedro Spallati, sax tenore e clarinetto; Massimo Morganti, trombone; Angelo Lazzeri, chitarra; Ferruccio Spinetti, contrabbasso; Alessandro Bravo, pianoforte; Alessandro Paternesi, batteria). Nel centenario della nascita di Ella Fitzgerald, Simona Molinari regala al pubblico lo spettacolo ‘Loving Ella’, sul palco del Morlacchi per ‘round midnight. La regina del jazz è sicuramente l’artista che ha più influenzato gli studi e la formazione della cantautrice napoletana, affiancata nella performance dall’ospite speciale Mauro Ottolini, trombonista e arrangiatore di talento. Il concerto si articolerà in un percorso narrativo in cui troveranno posto le canzoni che hanno contraddistinto la carriera di Ella insieme ad aspetti che ne caratterizzarono la controversa vita privata: gli esordi, gli amori, la malattia. Un viaggio alla scoperta del mondo pubblico e privato della “First Lady of Song”, in cui Simona Molinari inserirà alcuni dei suoi brani più significativi e di successo.

CHUCHO VALDES A UMBRIA JAZZ 2011. IL VIDEO
CHRISTIAN MCBRIDE A UMBRIA JAZZ WINTER. LA GALLERY
SIMONA MOLINARI ALL’ARENA SANTA GIULIANA. IL VIDEO
SIMONA MOLINARI ALL’ARENA SANTA GIULIANA. LA GALLERY

Piazza IV Novembre Cuore pulsante di Umbria jazz, piazza IV Novembre ospita tradizionalmente concerti gratuiti. Dopo l’esibizione della marching band Funk Off, dalle 11.30 e dalle 18.30 itinerante lungo le vie del centro storico, alle 19.00 sul palco della piazza University of New Hampshire 3 o’ clock jazz band e, alle 21.00, concerto degli Huntertones, capaci di improvvisare spaziando tra jazz, funk, soul, hip hop e rock. Alle 23.00 chiusura con Delta wires blues band formazione fedele allo spirito ed alla forma del blues, interpretato con energia e senso dello spettacolo.

Giardini Carducci Un altro palco storico con live gratuiti, dove si tengono i concerti più trascinanti e si tira fino a tardi. La giornata dei giardini Carducci inizia alle 13.00 sul Conad stage con Sugarpie & the Candymen, divertente band che rivisita il buon vecchio swing in chiave moderna, seguiti alle 14.30 da Accordi disaccordi, trio che rilegge la tradizione manouche con un approccio swing-gypsy nella formula a due chitarre e contrabbasso, e alle 16.00 da Gangbé brass band, ensemble del Benin che coniuga il juju dell’Africa occidentale e la musica tradizionale vudù con il jazz ed il tipico suono delle big band. Dopo l’esibizione dei finalisti di Conad jazz contest, concorso per talenti under 35 (ore 17.30), alle 19.00 largo al live trascinante e positivo di Sammy Miller and the congregation. Alle 20.30 seconda performance degli Huntertones, mentre alle 22.00 la musica di New Orleans è declinata al femminile con Shake ‘em up jazz band, ensemble di sole donne che rievoca con vivacità e freschezza la grande tradizione musicale della patria del jazz, con una formazione che include tromba, trombone e clarinetto, più una sezione  ritmica che si caratterizza per l’uso del washboard. Secondo concerto della giornata per Gangbé brass band alle 23.30 e chiusura all’01.00 con Sammy Miller and the congregation.

Info biglietti Box office Centro servizi camerali ‘Galeazzo Alessi’ (via Mazzini 9,   +39 3917423869 +39 3917423870 )  dal 7 al 16 luglio dalle 10.00 alle 19.00. Box office arena santa Giuliana per ritiro biglietti prenotati dal 7 al 16 luglio dalle 17.00 alle 23.00. I possessori di un biglietto per qualsiasi concerto di Umbria Jazz dal 1° al 23 luglio avranno diritto all’ingresso ridotto per la visita alla Galleria Nazionale dell’Umbria. Punti vendita Umbria jazz: Ticketitalia (Umbria), Go2 (Campania), Boxoffice (Lazio), Boxoffice (Toscana), Boxoffice (Sicilia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.