Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 27 gennaio - Aggiornato alle 07:11

Sir Volley Perugia «avanti a tutta. Senza pensare alla classifica»

Dopo la vittoria di Padova, sguardo sulla Champions. Colaci e Grbic: «Conquistati tre punti importanti»

L'esultanza dei Block Devils

Un successo importante quello di Padova, che proietta Perugia al secondo posto in classifica (come sempre da leggere con attenzione visto il numero differente di gare giocate di molte squadre) ed ottimo viatico, anche sotto il profilo mentale, in vista della settimana che vedrà i bianconeri in campo due volte al PalaBarton nel giro di tre giorni: giovedì nella prima giornata della Pool E di Champions contro Trento e domenica per la decima di campionato contro Vibo.
Per questo la squadra, dopo il giorno di riposo e recupero concesso dallo staff tecnico, tornerà prontamente a Pian di Massiano per riprendere il programma di allenamenti e di preparazione ai due match.

Il ‘piranha’ La sfida di Padova la chiudono definitivamente le parole di Massimo Colaci e di Nikola Grbic. «Padova è un campo molto difficile – dice il libero pugliese -. Loro sono una squadra giovane, ma forte, giocano bene, puntano tanto sul servizio ed hanno coraggio in attacco. Venivano da vittorie contro squadre importanti e sapevamo che sarebbe stata dura. È stata una partita non bellissima, entrambe le squadre hanno commesso tanti errori. Ci aspettavamo una gara del genere, siamo stati bravi a portarla a casa nonostante le difficoltà. La classifica in vista della Coppa Italia? Sinceramente non la guardo molto anche perché, tra anticipi, posticipi e recuperi, è difficile avere un quadro completo. Noi dobbiamo pensare soprattutto a vincere le nostre partite e finora siamo abbastanza soddisfatti del cammino. Peccato per sconfitta con Modena, contro avversari forti ci può stare anche se non fa mai piacere perdere. Tornando alla Coppa Italia dobbiamo cercare di chiudere l’andata più in alto possibile per avere nei quarti il piccolo vantaggio del fattore campo».

E il coach «Abbiamo conquistato tre punti importanti in un campo e contro un avversario complicato che aveva vinto cinque partite su sette – conferma il tecnico bianconero Nikola Grbic -. Era un match da prendere con le pinze, arrivava dopo la prima sconfitta, sapevamo che sarebbe stata una gara tosta. Non è stata una delle nostre migliori prestazioni, ma i set vinti li abbiamo condotti sempre noi. Padova ci ha messo tanta pressione in battuta, però siamo rimasti sempre attaccati alla partita ed il nostro attacco ha fatto la differenza. Un’altra nota molto positiva di ieri sono i due set di Russo. Roberto ovviamente è un po’ indietro come condizione, ma ha “sentito” il campo e proprio grazie a questo sono certo che il suo completo recupero avverrà prima. È un giocatore per noi molto importante, ma andiamo sempre cauti con lui per non rischiare nulla».

I commenti sono chiusi.