lunedì 21 ottobre - Aggiornato alle 04:24

Terni, tutta l’opposizione pressa sul disavanzo: «Consiglio straordinario»

Dopo la richiesta del M5s anche Pd, Senso civico e Terni Immagina vogliono vederci chiaro sui conti comunali

di Massimo Colonna

«Serve al più presto una seduta straordinaria del consiglio comunale, in modo che si faccia piena chiarezza sulla questione del disavanzo». E’ tutta l’opposizione a pressare il sindaco Leonardo Latini: dopo che nei giorni scorsi l’stanza era stata presentata dal gruppo consigliare del Movimento Cinque Stelle, ecco che nella serata di venerdì è arrivata la sottoscrizione della richiesta anche da parte degli altri capigruppo di minoranza. Richiesta che ora finirà sulla scrivania del presidente del consiglio comunale, Francesco Ferranti.

I conti La situazione sul tema del disavanzo resta ancora complicata: da un lato la giunta, con l’assessore al Bilancio Orlando Masselli, punta a risolvere il tutto tramite una correzione di bilancio, ossia una modifica ‘in corsa’ del documento finanziario relativo al 2018; dall’altro le opposizioni temono che sia necessaria una vera e propria variazione, ben più pesante da affrontare sia a livello economico (il Comune in sostanza dovrebbe trovare nuovi fondi in breve tempo) sia a livello politico. Nel pomeriggio di venerdì proprio Masselli ha prima incontrato i tecnici dell’Osl, l’Organo Straordinario di Liquidazione di Palazzo Spada, e poi i capigruppo della maggioranza per fare il punto della situazione. A livello tecnico la procedura prevede, una volta terminata l’analisi dei conteggi da parte della Osl, una determina dirigenziale, poi il passaggio del documento al vaglio delle commissioni consiliari e in consiglio.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.