Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 16 giugno - Aggiornato alle 00:48

Terni, nuovo vertice per il rimpasto: Latini incontra la maggioranza

Venerdì incontro per fare il punto in vista della sostituzione dell’assessore Bordoni: distribuire le deleghe, un tecnico o un politico le ipotesi in campo

di Massimo Colonna

Nuovo round di confronti per il sindaco di Terni Leonardo Latini per il rimpasto di giunta: venerdì è in programma un incontro con i rappresentanti della maggioranza di governo a Palazzo Spada per fare il punto della situazione. In vista della sostituzione dell’assessore Leonardo Bordoni, che nei giorni scorsi si è dimesso per questioni personali, il primo cittadino dovrà trovare la quadra per indicare un nome nuovo a cui assegnare le deleghe, che al momento ha preso in carico lui stesso, come vuole il protocollo. A meno che lo steso Latini non decida di distribuire gli incarichi agli assessori attuali, senza nominare alcun nome nuovo.

Gli scenari Dopo l’incontro della scorsa settimana con alcuni esponenti dei partiti, lo scenario non è cambiato. Al momento infatti le ipotesi sul tavolo restano tre. La prima è appunto la linea del sindaco, che vorrebbe ridistribuire le deleghe di Bordoni nella giunta attuale, giocandosi così anche la carta del risparmio sui costi della politica. La seconda ipotesi, è quella che prevede la scelta di un tecnico: al momento i nomi più caldi sono quelli di Simone Monotti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Terni, e di Alessandro Passetti, tecnico della Provincia. Terza ipotesi, quella che scalda di più gli animi dei partiti: il nome politico. La Lega punta su Federico Cini e Devid Maggiora per sostituire Bordoni, puntando sul fatto che l’ex assessore sia esponente del Carroccio; Fratelli d’Italia invece spinge su Orlando Masselli per l’incarico di vicesindaco, e su Maurizio Cecconelli, attuale portavoce in consiglio. In pressing anche Terni Civica, che ha chiesto ufficialmente un posto in giunta al sindaco. L’incontro di venerdì potrebbe portare a una schiarita.

I commenti sono chiusi.