Quantcast
sabato 4 dicembre - Aggiornato alle 04:54

San Gemini, candidato sindaco Gregori: «Sicurezza e sviluppo sano del territorio»

Parco della Fonte nel circuito delle Scienze dell’Umbria e adeguamento della zona industriale, ecco ‘Qualità pubblica’

In vista delle elezioni amministrative del 26 maggio 2019, Umbria24 ha rivolto cinque domande agli aspiranti primo cittadino di San Gemini. 

di Marta Rosati

L’intervista a Stefano Gregori, candidato sindaco della lista ‘Qualità pubblica per San Gemini’.

Il tema della sicurezza è centrale in un periodo in cui un’escalation di furti ha determinato il fiorire di comitati di cittadini per contrastare il fenomeno. Quali misure adotterebbe, se venisse eletto sindaco?
«La lista elettorale Qualità pubblica (QP) per San Gemini ritiene importante il tema della sicurezza in generale ed in particolar modo quello relativo alla sicurezza dai reati di furto e rapina. In tal senso è stato predisposto un apposito capitolo del programma elettorale in cui sono indicati tre impegni molto concreti che descrivono la visione di QP su tale tema: impegno a potenziare la polizia municipale con l’assunzione di una unità operativa mediante concorso pubblico; impegno ad implementare con gradualità la videosorveglianza in vari punti del territorio comunale, di concerto con le forze di pubblica sicurezza; impegno a promuovere costanti campagne informative sulla prevenzione dei reati di furto e rapina e dello spaccio di droghe, in collaborazione con le forze di pubblica sicurezza. Da attuale assessore al Bilancio, mi permetto di sottolineare che il programma elettorale di QP deriva anche da una conoscenza approfondita delle disponibilità economiche, delle esigenze ritenute prioritarie dalla cittadinanza e dei margini operativi concreti dell’amministrazione».

Il Comune di San Gemini fa i conti con un piano di riequilibrio finanziario e questo comporterà una gestione delle risorse molto oculata. Nel caso di possibilità di investimento, quali sarebbero le priorità?
«Il piano di riequilibrio finanziario pluriennale del Comune di San Gemini, approvato dalla Corte dei Conti con sentenza del 20 dicembre 2018, non prevede l’accesso al fondo di rotazione e consente, pertanto, l’indebitamento per investimento; di più, nello stesso piano di riequilibrio è stata inserita una somma di circa 16 mila euro a partire dall’anno 2018 per l’assunzione di un nuovo mutuo. I margini finanziari, derivanti dalla completa esternalizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti e dal completamento di ulteriori dossier economici una tantum, consentono e consentiranno nei prossimi anni gli investimenti. Qualità Pubblica ritiene prioritario e concretamente attuabile a partire dal 2020, l’intervento per il miglioramento della viabilità e della sosta per la fruizione del plesso scolastico di via Garibaldi anche in previsione dei lavori di realizzazione della nuova scuola Media, con l’obiettivo anche di riqualificare la storica passeggiata di San Gemini, liberandola da traffico veicolare e abbandono. Sulla base delle disponibilità finanziarie che si potranno ottenere, prioritario inoltre l’intervento di riqualificazione del campo di gara della Giostra dell’Arme e il miglioramento della qualità dei servizi offerti alla cittadinanza».

La Giostra dell’Arme e la riapertura del Parco della Fonte sono buoni biglietti da visita. Quali altre iniziative intende mettere in campo per valorizzare il borgo ed attrarre turisti?
Il programma di QP presenta due impegni specifici relativamente alle tematiche indicate: impegno a partecipare con la massima disponibilità alle attività dell’Ente Giostra dell’Arme, con l’obiettivo di offrire la più ampia collaborazione per valorizzare al meglio le tematiche storico/culturali oggetto della tradizionale rievocazione storica; impegno a favorire soluzioni di valorizzazione del Parco della Fonte e degli immobili connessi: soluzioni che prevedono lo sfruttamento della parte turistica e termale, il possibile inserimento del Parco nel circuito delle Scienze dell’Umbria e altro ancora. QP può portare un ulteriore valore aggiunto all’amministrazione del Comune attraverso il contributo delle varie professionalità di spicco, che compongono la lista dei candidati consiglieri, nel campo della cultura e del fare rete culturale a livello provinciale, regionale e nazionale, nel campo dello spettacolo e della organizzazione di eventi. Alcune possibili iniziative specifiche sono inserite nel programma.

Come crede sia possibile realizzare lo sviluppo del territorio? Lungo quali assi pianificherebbe la sua azione di governo?
«San Gemini, per la sua collocazione geografica e per le sue caratteristiche geo morfologiche, è un luogo ancora appetibile, in grado di dare buone risposte sia alle esigenze delle realtà produttive che sono già presenti con insediamenti industriali ed artigianali rilevanti, sia alle esigenze residenziali delle persone che apprezzano la qualità ambientale e la qualità della vita del borgo. Ruolo di ascolto e di proposta a fronte delle esigenze delle realtà produttive e dei cittadini, miglioramento della qualità dei servizi, strutturazione di reti di servizi con i Comuni limitrofi, cura dell’ambiente e del decoro urbano, attenzione costante verso le opportunità offerte dai finanziamenti UE, Ministeriali e Regionali, sono questi i temi verso cui orientare una azione amministrativa tesa allo sviluppo sano del territorio di San Gemini. La variante generale (o parziale) al PRG, ormai datato, potrebbe costituire un ulteriore elemento di spinta verso un potenziale sviluppo del territorio e del lavoro, soprattutto in relazione all’ampliamento della zona industriale che, per la sua dimensione originaria determinata da condizioni economiche generali non più attuali, risulta bloccata da anni».

Quali azioni adotterebbe nei primi 100 giorni di mandato e perché i cittadini dovrebbero votarla? Rivolga un appello agli elettori.
«Non è necessario elencare azioni roboanti dalla valenza esclusivamente mediatica, da svolgere nei primi 100 giorni. Sarà necessario proseguire quella decisa azione di risanamento, di gestione oculata e di qualità che ho intrapreso due anni or sono in qualità di Assessore al Bilancio. L’appello ai cittadini è altrettanto semplice: ‘Care cittadine e cittadini, se volete che l’amministrazione prosegua sulla strada del risanamento, della riconquista dei giusti margini finanziari, che sono il presupposto per il miglioramento dei servizi, se volete che prosegua l’impegno per la difesa del Comune e del cittadino/utente da tariffe esose derivanti dalle gestioni integrate d’ambito (idrico e rifiuti), se volete che la bellissima squadra di QP si metta al servizio della comunità di San Gemini per rivitalizzarne il tessuto sociale ed economico, votate Qualità Pubblica per San Gemini – Stefano Gregori Sindaco».

I commenti sono chiusi.