Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 15 giugno - Aggiornato alle 03:46

Registro tumori, Pd: «Errore gravissimo scegliere Umbria Salute anziché l’Università»

Per Bori e gli altri il nuovo modello organizzativo è «farraginoso e inutile»

Tommaso Bori

«Errore gravissimo». Questo il giudizio dei consiglieri regionale del Pd sul nuovo modello organizzativo del Registro tumori definito dalla Regione nei giorni scorsi «assegnandolo – ed è questa la contestazione dei dem – a Umbria Salute e non più all’Università degli Studi di Perugia» che se ne è occupata fino al gennaio 2020, quando è scaduto l’accordo ed è iniziata l’impasse, considerata dal Pd «un colpevole ritardo dopo un anno e mezzo dalle nostre sollecitazioni».

Registro tumori In particolare, per Tommaso Bori e colleghi l’assetto appena varato rappresenta una scelta «strategicamente sbagliata, soprattutto dopo il lavoro impostato dal professor Stracci e dal gruppo che era in capo all’Ateneo perugino». Le contestazioni dei consiglieri democratici sono due: da una parte il Registro tumori così concepito viene considerato «burocratico, farraginoso e inutile» e dall’altra apre ai timori «di una sorta di privatizzazione».

Contestazioni Pd Nel primo casa i dem vorrebbero capire per quale motivo la Regione ha previsto che la nuova struttura potrà stipulare convenzioni con l’Università, anziché decidere di far proseguire proprio l’Ateneo in questa attività, anche considerando che l’Università, che comunque porta avanti attività di ricerca, avrebbe arricchito della propria competenza e del proprio know how il progetto». Per quanta riguarda «i dubbi di privatizzazione», invece, il Pd chiede come «farà Umbria Salute, che si sta fondendo con Umbria Digitale e il cui presidente è capo di un’azienda privata che lavora nello stesso registro in Veneto, a dotarsi di tutto il personale necessario, senza aumentare il disservizio o allargare i tempi di inattività? Non sarà che dovrà appaltare il tutto ad una società esterna? Vigileremo – concludono Bori e gli altri – affinché anche l’Umbria possa avere un Registro tumori che funzioni, come nelle altre regioni».

I commenti sono chiusi.