Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 26 settembre - Aggiornato alle 08:08

Pd, De Rebotti e Presciutti scrivono a Letta: «Apri ai sindaci oppure sei responsabile della sconfitta»

Dura lettera dei due dirigenti del Partito democratico al segretario nazionale

Man mano che trascorrono le ore gli spazi di manovra per individuare chi farà parte dei candidati al parlamento si riducono e le posizioni diventano meno diplomatiche. Ecco perchè a poche ora dalla chiusura delle liste, due esponenti del Pd, indicati tra i probabili candidati, in Umbria, per le elezioni politiche, mettono nero su bianco la propria posizione e la spediscono al segretario del partito Enrico Letta.

La lettera Fanno presente che sono «numerose le sollecitazioni che provengono da cittadini, amministratori e importanti pezzi della società civile umbra ai rappresentanti politici e istituzionali del Pd umbro, per valorizzare le figure di amministratori e Sindaci nella prossima tornata elettorale». Quindi chiedono che il Pd debba metterli «nelle condizioni di lavorare al meglio nella nostra Regione, lasciandoci gli spazi necessari per proseguire il percorso di ricostruzione del nostro partito, di rappresentatività e radicamento vero nei territori umbri, e non ultimo, di credibilità verso i nostri iscritti e simpatizzanti». Quindi avvisano: «Se il Pd nazionale imporrà logiche diverse da quelle che partono dal sentire comune della nostra comunità umbra, dovrà assumersi la responsabilità dell’insuccesso a cui sarà destinata la campagna elettorale ormai entrata nel vivo, in termini di astensionismo e di allontanamento degli iscritti dal nostro partito». Offrono quindi la loro disponibilità alla candidatura ma la vincolano «esclusivamente all’apertura di una nuova fase che va percorsa fino in fondo con coraggio e determinazione, senza soccombere all’istinto di conservazione».

I commenti sono chiusi.