Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 7 febbraio - Aggiornato alle 13:30

Maria Rita Lorenzetti non ha commesso alcun reato: prosciolta da tutte le accuse

Cade anche l’ultima accusa per corruzione con la formula «il fatto non sussiste»

Maria Rita Lorenzetti

«Il fatto non sussiste», così cade anche l’ultima accusa nei confronti dell’ex governatrice dell’Umbria Maria Rita Lorenzetti, sull’inchiesta del cosiddetto passante ferroviario di Firenze, che la vedeva coinvolta nel ruolo di presidente di Italfer. Per lei sono caduti, uno dietro l’altro, tutti i reati contestati: per quelli ambientali aveva ottenuto il proscioglimento a Firenze, mentre a Roma ha ottenuto il proscioglimento dal reato associativo e da una accusa di corruzione, mentre per una ultima ipotesi di corruzione, nonostante la richiesta di archiviazione da parte di un pubblico ministero, il giudice aveva ritenuto che si svolgesse una udienza preliminare che, giovedì, si è conclusa con un non luogo a procedere perchè il «fatto non sussiste». Maria Rita Lorenzetti è stata presidente della Regione Umbria per due legislature, a lungo parlamentare del Pci e del Pds e dopo l’esperienza di governatrice, è stata presidente di Italfer.

I commenti sono chiusi.