lunedì 26 agosto - Aggiornato alle 07:26

Arrone, riequilibrio finanziario: recuperato un milione di disavanzo, ok da Corte dei conti

Di Gioia: «Guardiamo avanti con ottimismo. Grazie a cittadini, dipendenti e amministratori, ex sindaco in primis»

La sezione regionale di controllo della Corte dei conti per l’Umbria ha approvato la proposta di rimodulazione per la chiusura del piano di riequilibrio finanziario (approvato nel 2013 e avente scadenza 2023), prendendo atto che al termine del 2018 il Comune di Arrone ha integralmente recuperato il disavanzo ordinario originario di circa un milione di euro.

Arrone Soddisfazione da parte del sindaco Fabio Di Gioia: «Ora possiamo guardare avanti con ottimismo e una programmazione puntuale, tutti hanno fatto la propria parte: i cittadini, i dipendenti, gli amministratori. La comunicazione della magistratura contabile -afferma – ci consente di riattivare le condizioni normali dell’ente, frutto di un lavoro duro che ha visto cittadini e dipendenti comunali tutti, impegnati a vario titolo; per un periodo di ben otto anni gli amministratori hanno rinunciato alle indennità contribuendo al raggiungimento del risultato. Oggi possiamo ristabilire quanto previsto dalla Costituzione italiana. Questa comunicazione ci consente di rispedire al mittente quanto affermato in campagna elettorale sulla situazione debitoria del Comune di Arrone. Da oggi possiamo rimettere in moto una programmazione di interventi, in tempi relativamente brevi, che abbiamo proposto ai cittadini che ci hanno dato fiducia. Ci tengo – conclude – a ringraziare in modo particolare l’ex sindaco Loreto Fioretti».

I commenti sono chiusi.