Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 1 marzo - Aggiornato alle 05:35

Ristoranti e bar umbri: «Abbiamo perso oltre 500 milioni di fatturato in un anno». C’è chi pensa ad aprire contro le regole

«Sulle nostre spalle il contrasto alla pandemia senza dati scientifici e adeguati ristori». C’è chi pensa ad aprire contro le regole

©Fabrizio Troccoli

I dati del Centro Studi Fipe Confcommercio arrivano a certificare lo stato di enorme crisi che vive la ristorazione italiana, che in Umbria ha perso nel 2020 548.254.000 di euro di fatturato rispetto all’anno precedente: l’1,5% dei quasi 38 miliardi di perdite a livello nazionale.

La denuncia «Il nostro settore, pur avendo dimostrato di poter lavorare in totale sicurezza, ha già pagato un prezzo altissimo», dice il presidente di Fipe Umbria Confcommercio Romano Cardinali, interpretando la forte preoccupazione degli imprenditori anche in vista del preannunciato divieto di vendita d’asporto per i bar a partire dalle 18 per evitare gli assembramenti. «Ogni volta che si avvicina la scadenza delle misure restrittive, ne vengono annunciate di nuove e si riparte da zero. Non ne possiamo più! Non è più accettabile che i pubblici esercizi, insieme a pochi altri settori, siano i soli a farsi carico dell’azione di contrasto alla pandemia, che a noi sia richiesto un sacrificio sociale non giustificato dai dati e non accompagnato da adeguate e proporzionate misure compensative».

Il rischio di chiusura Gli esercenti sottolineano ancora una volta, se non fosse stato chiaro che le proprie imprese sono sull’orlo del baratro: «Noi vogliamo fare la nostra parte, per uscire da questa crisi. Ma i dati parlano chiaro: le nostre imprese sono concretamente a rischio. Il danno economico è pesantissimo; la continua incertezza normativa non ci consente di lavorare con un minimo di programmazione. Siamo stremati e la situazione è estremamente confusa. Più che ulteriori restrizioni, servono subito misure aggiuntive in grado di dare certezza agli imprenditori e adeguato ristoro alle perdite economiche».

La protesta E se è indubbio che in tanti sono tentati e manifestano la volontà di aderire a quella forma di protesta che sta attraversando tutta Italia e che vuole gli esercizi aperti nonostante le restrizione, l’organizzazione di rappresentanza prova a contenere l’onda d’urto della disperazione pur dimostrando difficoltà: «Fipe-Confcommercio – è scritto nella nota – continuerà a lavorare incessantemente per ottenere i ristori, garantendo nel frattempo ai propri imprenditori il massimo dell’ascolto e del supporto. Poiché la proviamo sulla nostra pelle, condividiamo la frustrazione e anche il senso di spaesamento di tanti colleghi esercenti, che hanno minacciato gesti di protesta radicali. Pensiamo però che violare la legge sia un grave errore, che può trasformarsi in un boomerang per l’intero settore. Come rappresentanza del settore più grande e diffusa in Umbria e nell’intero Paese – conclude la nota -, avvertiamo la responsabilità del ruolo che stiamo esercitando per difendere la categoria. Il settore è stremato, ma la legalità resta un prerequisito. Le proteste di queste ore sono segnale di grandissimo disagio e sconforto, ma non esporremmo mai i nostri associati, e i nostri clienti, a rischi anche di carattere penali. Continuiamo a lavorare per rappresentare con forza le nostre ragioni».

I commenti sono chiusi.