Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 15 giugno - Aggiornato alle 21:08

La Pasticceria Sandri non è una storia conclusa: riapre con stesso nome ma diversi proprietari

Accordo fatto per il rilancio. Corso Vannucci riavrà una delle vetrine più prestigiose della città

Riapre la storica pasticceria Sandri su Corso Vannucci. Stesso nome, stessi prodotti, probabilmente anche stessi riti, come quello delle vetrine a tema ma, proprietari diversi. Ad anticipare la notizia, venerdì mattina, è Il Messaggero Umbria, con un articolo a firma di Cristiana Mapelli che indica i nuovi ‘proprietari’ come imprenditori perugini impegnati nel campo dell’alimentare e dell’abbigliamento. Tre nuovi gestori che hanno sottoscritto l’accordo con la vecchia proprietà per rilanciare quello che, a tutt’oggi, è riconosciuta essere una delle più prestigiose pasticcerie della città. L’ultima gestione, degli anni scorsi, ha visto il connubio tra la storica proprietà Schucani e la famiglia Ferretti, iniziativa sospesa con il covid. Poi la saracinesca è rimasta chiusa lasciando diffondere in città la preoccupazione che non fosse più riaperta, mettendo la parola fine a un angolo del salotto perugino dal quale sono transitate figure di rilievo e che, a suo modo, ha scritto un pezzo di storia della città. Innanzitutto con l’arte pasticciera e in particolare con quella del cioccolato, innestando nella tradizione locale prodotti innovativi, stravaganti di provenienza straniera, a cui però i golosi non hanno saputo più rinunciare. Sono numerosi i perugini e quanti si ritengono amici di Perugia, che esercitano da anni il rito di fare visita alla pasticceria Sandri per concedersi momenti di gusto e di eleganza, oltre che riassaporare un antico legame con questa città.

I commenti sono chiusi.