Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 6 agosto - Aggiornato alle 00:03

Dalle Dolomiti all’Umbria per la buona tavola, a Terni apre Kalipè

Negozio di prodotti genuini a filiera corta, ecco ‘sentieri alimentari’. Il titolare: «Siamo ciò che mangiamo»

di Maria Giulia Pensosi

L’idea parte dalla volontà di far conoscere alla città le due zone che per il proprietario e sua moglie rappresentano ‘casa’: l’Umbria e le Dolomiti. ‘Kalipè, sentieri alimentari’ il nome del nuovo negozio aperto lunedì a Terni in via Galvani, che vende prodotti artigianali, genuini a filiera corta di provenienza locale e triveneta. «Siamo ciò che mangiamo – il mantra di Andrea Bisonni, proprietario del locale -. L’alimentazione incide sui ritmi quotidiani, vogliamo trasmettere la cultura del mangiare bene per sentirsi bene».

Kalipè, sentieri alimentari «Kalipè è una parola imalaiana – racconta a Umbria24 Andrea Bisonni – è un augurio che si fa in montagna: ‘Ti auguro di andare con passo corto e lento’. È un concetto più ampio legato a ritmi naturali, passo corto e lento significa affrontare il sentiero senza fatica, gustandosi la vita, andare ai ritmi della natura prendendo atto del cammino che si sta svolgendo. ‘Sentieri alimentari’, inteso sia come via che collega le due zone da noi tanto amate, sia come itinerario di crescita e conoscenza alimentare». Il negozio è « una vera e propria enogastronomia a 360 gradi», i prodotti in vendita sono stati selezionati attraverso uno studio lungo e minuzioso: «Con la mia attività voglio riportare alla luce quelli che sono i valori che negli passati in vacanza nelle Dolomiti ho fatto miei – riprende il proprietario -. Trentino e alto Veneto fino all’avvento del turismo di massa hanno vissuto quasi in isolamento geografico, il modo di vivere, di rapportarsi con l’ambiente è del tutto diverso dal nostro. Le produzioni, per esempio, sono limitate e diversificate a seconda delle stagioni, ma il livello qualitativo è altissimo». Una storia che racconta la passione per il cibo, il buon vino e l’amore per il territorio.

Enogastronomia a tutto tondo La selezione di merci vendute è molto vasta: pasta e farina, legumi, spezie, oli, confetture, sughi, ma anche banco gastronomia e enoteca, insomma una rassegna di prodotti «che vuole tracciare una linea diretta e continuativa dal centro Italia fino al nord». Il fine ultimo del locale è quello di far riscoprire ai fruitori il gusto del mangiare sano: «Vogliamo che i clienti riscoprano il ‘vero sapore’ del cibo – interviene la moglie del proprietario -. Ormai le persone sono abituate ad acquistare nelle grandi catene, i sapori sono piatti e tutti uguali, noi restituiamo il gusto del naturale». L’offerta comprende anche una vera e propria area degustazione: «Inizialmente pensavamo ad un locale più piccolo, poi abbiamo deciso di ‘sfidare noi stessi’. Nell’area ristoro serviamo quello che vendiamo, diamo la possibilità al cliente di avvicinarsi non solo ai prodotti, ma alla nostra filosofia di vita». Kalipè dà spazio alla produzione locale, distribuendo prodotti di norcineria umbra e importa merce dall’Alto Adige: «Oltre alla selezione enogastronomica, abbiamo una piccola parte ‘non alimentare’ unica nel suo genere: vendiamo cosmetici e prodotti per la casa ecobiologici realizzati da due famiglie della val Pustesia e Misurina che distillano oli essenziali all’interno di boschi di loro proprietà». Alla base del progetto ecosostenibilità e rispetto per l’ambiente, il locale infatti è stato assemblato con quanti più prodotti riciclati possibili.

I commenti sono chiusi.