Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 25 maggio - Aggiornato alle 12:09

Anteprima Sagrantino, a maggio si svela la nuova annata. Vino in crescita tra le grandi denominazioni

Le bottiglie 2018 si presentano a Montefalco alla stampa nazionale e internazionale con tasting dedicati. Il Sagrantino intanto aumenta (+43,7%) le vendite nella Distribuzione Moderna

Anteprima Sagrantino

di Dan. Nar.

L’annata 2018 di Montefalco Sagrantino Docg e le nuove annate delle denominazioni del territorio di Montefalco e Spoleto si presentano alla stampa specializzata nazionale e internazionale. Il Consorzio Tutela Vini Montefalco ha fissato le date per la prossima Anteprima Sagrantino, in programma il 25 e 26 maggio 2022. Dopo il successo della scorsa edizione, Anteprima Sagrantino si terrà per il secondo anno nel periodo primaverile, “sempre nel pieno rispetto delle normative vigenti relative all’emergenza Covid-29” come comunicano gli organizzatori, per dare modo ai giornalisti di degustare la nuova annata in un momento dell’anno particolarmente favorevole, quando Montefalco si presenta in tutta la sua bellezza, riuscendo a restituire alla stampa una visione completa delle nuove annate e del territorio attraverso tasting e visite in cantina e ai territori.

Vendite in crescita Evento che arriva in un periodo particolarmente positivo per il vino di Montefalco. Ha riservato infatti una bella sorpresa l’ultima classifica della vendita dei vini nella Distribuzione Moderna (DM) elaborata da IRI per Vinitaly. Sono sempre in crescita le grandi denominazioni del vino (Lambrusco, Barolo, Brunello). Ma lo sprint più significativo, oltre che con il bianco Lugana (il più famoso dei vini del Lago di Garda), si registra a Montefalco. Tra le prime posizioni di questa classifica, utile per individuare i trend del momento, troviamo infatti anche il Sagrantino (+43,7%).

Denominazioni di Montefalco e Spoleto “Anteprima Sagrantino si conferma un appuntamento di grande attrattiva per la stampa, in particolare quella internazionale – afferma Giampaolo Tabarrini, p­residente del Consorzio Tutela Vini Montefalco – che ci auguriamo, ovviamente tenendo conto delle limitazioni ancora vigenti, potrà essere di nuovo presente. Al centro della prossima edizione di Anteprima Sagrantino ci saranno i vini di Montefalco, come ovvio, ma il nostro obiettivo è anche quello di presentare in maniera integrata tutto il territorio. L’Umbria, in tutte le sue declinazioni, riscuote curiosità e interesse sui mercati internazionali, perché il collegamento tra territorio e produzioni vitivinicole funziona ed è vincente. L’Umbria ha caratteristiche che la rendono unica al mondo e sotto il suo brand, che si rafforza sempre di più, la vitivinicoltura regionale può sfruttare un’opportunità sempre più concreta di posizionamento e rafforzamento. Anteprima Sagrantino è una vetrina importante per Montefalco e i suoi vini, in un periodo dell’anno in cui la bellezza dei luoghi viene esaltata da una condizione ambientale gradevolissima che valorizza ancora di più la bellezza dei nostri luoghi, in cui paesaggio, storia, architettura ed arte si fondono in un unicum di potente suggestione”.

Commissione La valutazione dell’annata 2018 di Montefalco Sagrantino Docg sarà per il terzo anno espressa in centesimi, approfondendo i singoli parametri che compongono il giudizio complessivo, anche grazie al lavoro della Commissione esterna, composta da giornalisti e sommelier di rilievo nazionale ed internazionale, che affiancherà quella tecnica nell’esame della nuova annata. La valutazione in stelle, che sarà espressa in parallelo, andrà a comporre il borsino delle vecchie annate. Tutti elementi che forniranno un quadro esauriente sulla nuova annata ma anche delle capacità evolutive del Montefalco Sagrantino DOCG secco e passito, nonché sui vini appartenenti alle denominazioni Montefalco DOC e Spoleto DOC delle cantine partecipanti.

I commenti sono chiusi.