Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 11:12

Turismo, in Umbria tra giugno e agosto dati «migliori delle più rosee aspettative»

Secondo un’analisi dell’Agenzia Umbria ricerche i dati di luglio e agosto sono migliori di quelli del 2019

Turisti ad agosto nel centro di Perugia (©Fabrizio Troccoli)

Per il turismo in Umbria il periodo giugno-agosto 2021 «è andato meglio delle più rosee aspettative». Lo sottolinea un focus realizzato dall’Agenzia Umbria ricerche in cui, comunque, si sottolinea che in generale il Covid e le misure che si sono rese necessarie per arginare i contagi, hanno dato «un duro colpo al comparto». Secondo l’analisi dell’Aur «mettendo a sistema le informazioni» emerge che giugno 2021 è risultato «migliore» di quello dell’anno prima, anche se «ancora distante» dal 2019.

L’analisi «Ma, già a luglio 2021 – si legge nello studio – si ha un primo risultato molto positivo; gli arrivi sono andati meglio del 2019: circa 263 mila a fronte di 261 mila. Poi ad agosto si è consumato un vero e proprio capolavoro. Rispetto al 2019 si è avuto un incremento notevole sia di arrivi (+50.325), sia di presenze (+181.270) e sia di permanenza media giornaliera (3,33). Inoltre, non va trascurato che già agosto 2020 era andato molto bene rispetto al 2019: gli arrivi avevano fatto registrare un +23.792 e le presenze un +10.487»; incrementi che, nel 2020, hanno riguardato molte regioni italiane, complice anche il fatto che gli spostamenti all’estero erano difficoltosi.

La campagna Sempre in base all’analisi Aur agosto 2021 «ha fatto segnare un record dei flussi turistici rispetto a tutti e otto gli anni precedenti», sia in termini di arrivi, cresciuti del 14,8% rispetto al 2019, sia di presenze, più 16,3%. Per l’Aur «sui dati, sicuramente, ha giocato un ruolo importante la campagna promozionale voluta dalla Regione», «Io amo il mare dell’Umbria», che «ha centrato l’obiettivo». L’Agenzia Umbria ricerche ritiene quindi che «oggi più mai è fondamentale sapersi raccontare» e che «il settore turistico umbro ha un enorme potenziale di crescita».

I commenti sono chiusi.