Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 5 agosto - Aggiornato alle 23:46

Treofan Terni, in attesa dell’advisor ecco macchinari dal sito di Battipaglia

L’inchiesta per truffa allo Stato su Report, Liguori: «Così la multinazionale smantellava le produzioni locali»

 

di Marta Rosati

Il tour in fabbrica, la preoccupazione dei lavoratori e il fascicolo aperto dalla procura della Repubblica di Terni per truffa allo Stato da parte di Jindal, con l’attivazione della cassa integrazione Covid, nonostante la produzione massiccia di film per l’imballaggio di alimenti, tabacchi e cosmetici, soprattutto nel periodo del lockdown. Le telecamere della trasmissione di Rai3, Report, riaccende i riflettori sul sito della Treofan dove da un paio di settimane sono arrivati alcuni macchinari dalla fabbrica di Battipaglia dove il liquidatore non a caso è stato recentemente molto impegnato: dalla Campania in particolare sarebbero arrivati una taglierina e altre attrezzature cche possono essere vendute o riutilizzate per future produzioni.

Treofan su Report Quanto al punto porposto da Rai3 nella serata di lunedì, oggi, rispetto ai tempi delle riprese, i lavoratori hanno ottenuto l’ok alla cassa integrazione straordinaria da febbraio (pur non avendo percepito ancora alcun rateo) e, con una anticipazione di Tfr nonché tredicesima e quattordicesima nella busta paga di maggio, ora i lavoratori stanno attendendo che il commissario liquidatore nomini l’advisor per la reindustrializzazione. Una novità in tal senso potrebbe arrivare già questa settimana dopo il sollecito indiretto arrivato dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Michele Fioroni. Intanto prosegue l’inchiesta della procura nei confronti dei vertici di Treofan Italy-Jindal, il procuratore Alberto Liguori ai microfoni di Report: «Con l’apertura della cassa Covid i lavoratori vittime di un inganno hanno di fatto contribuito alla realizzazione del piano della multinazionale indiana di dismettere le produzioni in loco favorendo quelle in altri siti».

I commenti sono chiusi.