Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 5 agosto - Aggiornato alle 23:20

Thyssenkrupp, vendita Ast entro ottobre: aperta fase due, presto in visita i player stranieri

Mercato acciaio, trend positivo. Sindacati metalmeccanici: «Momento decisivo ma istituzioni assenti»

di M.R.

Acciai speciali Terni sarà venduta entro l’autunno. La direzione aziendale ha confermato l’apertura della fase due della procedura che si completerà con la visita in stabilimento di altri due player, per arrivare al completamento dell’operazione nel mese di ottobre 2021.

Thyssenkrupp, vendita Ast Le segreterie di Fim, Fiom, Uilm, Ugl, Fismic e Usb nella serata di mercoledì, come anticipato da Umbria24, hanno incontrato l’amministratore delegato di Acciai speciali Terni, Massimiliano Burelli, il direttore del personale Alessandro Rusciano e il direttore di stabilimento Dimitri Menecali. Dai piani alti di viale Brin hanno confermato l’apertura della fase due che si completerà con la visita in stabilimento di altri due player, dopo quelle dei gruppi industriali italiani Arvedi e Marcegaglia, per arrivare al completamento dell’operazione nel mese di ottobre 2021. Le Organizzazioni Sindacali hanno chiesto garanzie sul perimetro di vendita e sulla futura autonomia del sito, rilevando però, l’assenza delle istituzioni regionali e dal governo Italiano.

Acciaio Sul versane del mercato si conferma il trend positivo che ha caratterizzato i primi due trimestri dell’anno, «infine – rivelano i segretari delle organizzazioni metalmeccaniche – si è proceduto alla verifica sull’accordo ponte che su investimenti, livelli occupazionali, ambiente e sicurezza ha registrato ulteriori evoluzioni in linea con quanto concordato». I segretari di Fim, Fiom, Uilm, Ugl, Fismic e Usb, rispettivamente Simone Liti, Alessandro Rampiconi, Simone Lucchetti, Daniele Francescangeli, Gioavacchino Olimpieri ed Emanuele Pica, ritengono «questo momento decisivo per il futuro dello stabilimento e per il mantenimento degli attuali assetti produttivi e occupazionali, con la consapevolezza che con una maggiore incidenza di tutti gli attori in campo si possano concretizzare soluzioni che ne prevedano una reale espansione».

I commenti sono chiusi.