lunedì 23 settembre - Aggiornato alle 02:41

Fino a 25 mila euro a tasso zero per creare una microimpresa: domande fino a dicembre

Il bando della Regione è destinato a coloro che abbiano fruito dell’orientamento professionale fino a un massimo di 6 mesi

Le domande potranno essere presentate fino a dicembre

Ci sarà tempo fino al prossimo 31 dicembre per presentare le domande per l’accesso al microcredito finalizzato alla creazione di impresa e all’autoimpiego. Come spiega la Regione Umbria in una nota, la misura è destinata a coloro che abbiano fruito dell’orientamento professionale fino a un massimo di 6 mesi, che abbiano beneficiato di una indennità dell’importo massimo di 3 mila euro e che non siano stati successivamente assunti.

Il bando In particolare sarà possibile ottenere un finanziamento a tasso zero, senza presentazione di garanzie, da un minimo di 6.250 a un massimo di 25 mila euro, presentando un progetto imprenditoriale. Tale finanziamento coprirà, fino all’83,33%, un investimento al netto di Iva e oneri accessori, compreso tra un minimo di 7.500 e un massimo di 30 mila euro. «Sarà possibile accedere alla procedura valutativa a sportello – spiega la Regione – tramite la presentazione della domanda di agevolazioni, entro il 31 dicembre 2019, a mezzo PEC al seguente indirizzo: [email protected] o inviandola tramite raccomandata a/r, alla Regione Umbria».

UmbriAttiva La misura fa parte del programma UmbriAttiva 2018, finanziato attraverso i fondi europei e che «prevedeva – sottolinea il presidente Fabio Paparelli – risorse per 32 milioni di euro. Si compone di 5 diverse misure di sostegno alla formazione e all’occupazione di giovani e adulti. Un pacchetto di interventi di politiche attive del lavoro che si propone di affrontare le criticità del mercato umbro e sostenere la buona occupazione. Del milione di euro previsto per questa misura a chiusura del programma, 600 mila sono riservati alle persone con più di 30 anni e 400 mila a quelli di età inferiore ai 30 anni, che abbiano conseguito una qualificazione o abilitazione professionale e ora vogliano mettere su una microimpresa o lavorare in proprio».

I commenti sono chiusi.