Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 15 giugno - Aggiornato alle 21:50

Fim Cisl, Simone Liti eletto numero uno regionale: con lui Trotti, Calzoni e Zucchetti

Metalmeccanici, al consiglio generale umbro del sindacato presente il numero uno nazionale Benaglia

Il consiglio generale della Fim Cisl Umbria, di giovedì 10 giugno 2021 a Massa Martana, ha eletto la nuova segreteria regionale della federazione italiana metalmeccanici: il numero uno è Simone Liti, segretario generale, assieme a lui eletti Emilio Trotti, Andrea Calzoni e Antimo Zucchetti. La segreteria Cisl Umbria si congratula con loro e augura buon lavoro. Per l’occasione presenti il segretario generale il segretario generale di Cisl Umbria Angelo Manzotti e il leader di Fim Cisl nazionale Roberto Benaglia, già intervenuto a Terni il Primo maggio scorso.
Simone Liti Il neo segretario generale ha ringraziato la squadra che in questi anni di attività lo ha supportato, chi ha manifestato il proprio
consenso nel corso delle votazioni e il segretario uscente Adolfo Pierotti, con il quale ho condiviso otto anni di attività. Quella di Liti vuole essere una Fim Cisl forte, presente e leale, attenta a tutte le trasformazioni in atto: «Damaggio 2020, in base ad uno studio di Banca l’Italia – sottolinea Liti – la nostra regione ha visto precipitare il Pil pro capite di circa il 30 per cento». Liti vede nei fondi europei, nel Next generation Eu, una delle strade da percorrere per cercare di dare risposte in termini di ripresa e sviluppo, ma soprattutto di risposte concrete ai lavoratori: «Nonostante il blocco dei licenziamenti – afferma il segretario – c’è chi si è trovato fuori dal mercato del lavoro, alimentando frange di già esistente povertà e disuguaglianze sociali». Il riferimento esplicito, nella relazione, è stato a chi in questo periodo era contrattualizzato a termine, a chi aveva un contratto in somministrazione e all’occupazione femminile. «Tante donne – precisa – si sono trovate a dover scegliere tra il lavoro e la famiglia».
Fim Cisl Il segretario non ha presentato nessuna facile ricetta, ma nella consapevolezza della complessità del contesto in essere, inasprito dalle conseguenze della pandemia, il segretario generale della Fim dell’Umbria indica, tra le altre cose, la formazione e la bilateralità come due opportunità di rilancio e sostegno per un’occupazione stabile di qualità: «Dobbiamo non solo stare a guardare, ma guidare con le nostre idee, proposte e competenze la Transizione ecologica e digitale». Liti nella sua prima relazione alla guida della categoria dei metalmeccanici umbri, richiama l’attenzione sulla competitività di sistema, che «deve essere incrementata attraverso la riqualificazione della pubblica amministrazione e il miglioramento delle infrastrutture materiali, immateriali e viarie». Per un’industria 4.0, che deve caratterizzare anche le piccole e medie imprese umbre, serve maggiore e migliore concertazione, anche e soprattutto di secondo livello, welfare aziendale, una concertazione reale con le istituzioni e politiche attente all’ambiente e al territorio.
Manzotti A sottolineare l’importanza del settore metalmeccanico per l’Umbria e per il suo Pil è stato il segretario generale Cisl Umbria Angelo Manzotti che è ritornato sulla strategicità della contrattazione di secondo livello: «Questa deve trovare spazio in tutte le realtà produttive per rinforzare il welfare aziendale». Riguardo alla situazione di difficoltà che sta attraversando l’Umbria, Manzotti torna a rivolgersi alla Regione: «Serve un piano con le istituzioni e le parti datoriali per definire un nuovo modello di sviluppo regionale – afferma Manzotti -. Per questo serve maggiore concertazione in modo che si possa cogliere a pieno l’opportunità offerta dal Pnrr e dalla programmazione europea». Il segretario della Cisl Umbria ha augurato buon lavoro a Simone Liti e alla sua squadra: «Per tutelare le lavoratrici e i lavoratori – conclude – ci vuole maggiore sinergia tra le categorie e tra le categorie e la Cisl: una visione confederale che non lasci indietro nessuno».
Benaglia I complimenti e gli auguri di buon lavoro al nuovo segretario generale Fim Cisl Umbria Simone Liti e alla nuova segreteria, composta da Andrea Calzone, Emilio Trotti e Antimo Zucchetti, sono arrivati dal segretario generale Fim Cisl Nazionale Roberto Benaglia che è intervenuto ai lavori umbri: La contrattazione – ha affermato -, anche in questo momento di difficoltà, deve continuare a garantire i lavoratori ma attraverso forme diverse. È giusto procedere in sinergia con la Cisl e, in virtù di questo, abbiamo di recente sottoscritto un
accordo con la categoria della Felsa Cisl per riuscire a dare continuità rappresentativa tra i lavoratori in somministrazione e quelli direttamente assunti dalle aziende. Inoltre, abbiamo sottoscritto un accordo con il Patronato Inas. Ai nostri lavoratori – ha spiegato – vogliamo dare risposte veloci ed efficienti anche attraverso il delegato dei servizi».

I commenti sono chiusi.