Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 26 settembre - Aggiornato alle 09:27

Elezioni Ast, consegnate le liste: oltre 180 lavoratori candidati, ne saranno eletti 27

Rinnovo delegati sindacali dell’acciaieria Terni, 12 saranno anche Responsabili sicurezza: è sfida a cinque sigle, Usb ferma un giro

di Mar. Ros.

Si è insediata nel pomeriggio di martedì e ha avuto subito a che fare con la validazione delle candidature in base ai riscrontri aziendali, la commissione elettorale per il rinnovo dei delegati sindacali che conta 10 membri e presto nominerà gli scrutatori in base ai seggi che verranno individuati. La cosiddetta Rsu è scaduta da due anni, rispetto al naturale termine del mandato e nonostante sia rimasto invariato il numero di delegati al Parlamentino (27), rispetto alla tornata del 2017 ci sono delle novità anche nel sistema di voto.

Arvedi Oltre al fatto che l’Usb, entrata solo nell’ultima consultazione, non sarà della partita (quindi le sigle in compezione saranno solo cinque: Fim, Fiom, Uilm, Fismic e Ugl), due le schede che ogni avente diritto riceverà al proprio seggio di appartenenza: una relativa alle Rsu suddivisa su tre diversi collegi (operai, impiegati e quadri), l’altra agli Rls (collegio unico), prima individuati tra i delegati a fronte di specifico percorso formativo. Il nuovo sistema, derivante da un accordo sindacale nazionale, è tutto da sperimentare; di fatto nel segreto dell’urna c’è la possibilità di esprimere ‘voto disgiunto’ ma per essere eletti tra gli Rls è necessario essere eletti tra Rsu.

Acciai speciali Terni Sono 183 gli aspiranti delegati sindacali, questo emerge dalla consegna delle liste: dei 27 che saranno eletti, 21 saranno operai, 5 impiegati e un Quadro, ciascuno votato dai propri pari grado. In una fase delicata come quella attuale che vede maturare il passaggio di proprietà da Thyssenkrupp ad Arvedi con organigrammi completati, un piano industriale da approfondire in ogni sua parte e annunci da valutare attentamente, con istituzioni locali e nazionali impegnatein un Accordo di programma a garanzia degli investimenti promessi dal gruppo di Cremona, sarà interessante misurare la fiducia dei lavoratori nelle organizazioni sindacali, desiderose di rivendicare un ruolo attivo almeno dopo il voto di 23,24 e 25 maggio prossimi. Cinque anni fa alle urne il 94% degli aventi diritto.

I commenti sono chiusi.