Quantcast
mercoledì 28 settembre - Aggiornato alle 01:24

Covid-19, lettera ai dipendenti e video aziendali: la spinta motivazionale di Ast

L’ad Burelli: «La famiglia Acciai speciali Terni continua a fare quel che sa fare meglio, lavorare in sicurezza»

 

Nell’occhio del ciclone sin dai primi giorni dell’emergenza Covid-19 e ancor di più dal 6 aprile scorso quando col nulla osta del prefetto di Terni ha ripreso a produrre, Ast continua in tutti i modi a motivare le risorse umane in un momento di generale fragilità, sanitaria, economica e sociale, nella consapevolezza che, come probabilmente quello di molte altre realtà, il bilancio aziendale sarà drammatico.

Burelli scrive ai lavoratori Ast È datata 20 aprile la lettera scritta a mano e firmata Massimiliano Burelli, inviata ai dipendenti dell’acciaieria: ‘Care colleghe e colleghi, l’epidemia da Covid-19 ha cambiato molto la nostra vita quotidiana’. Inizia così e termina con ‘un abbraccio’ la missiva che l’amministratore delegato di Acciai speciali Terni ha fatto spedire a casa dei lavoratori nel corso della ‘pandemia che sta mettendo in subbuglio il mondo intero’. Il numero uno di Tk-Ast, in oltre due pagine richiama all’unità, ad un comportamento responsabile per la difesa della salute, all’esigenza di ‘fare squadra per affrontare l’emergenza continuando ad operare nel rispetto degli alti livelli di benchmark attuati finora. Ma in questo momento così difficile – prosegue Burelli – non voglio solo chiedervi di seguire le regole, ma anche rivolgervi l’invito a sentirvi parte di un gruppo amico che lavora con tenacia e determinazione nella volontà di ottenere un ottimo prodotto, con il desiderio oggi più che mai di contribuire allo sviluppo del Paese’.

Coronavirus È stato invece pubblicato su Facebook, ad un mese dalla ripresa delle attività negli stabilimenti Ast della città, il video (e non è il primo) che dà voce ai dipendenti: sono loro a riconoscere l’importanza delle misure messe in atto per il contenimento del contagio e che, insieme alla connessa formazione, come si evince, hanno contribuito a sensibilizzare sull’importanza dei comportamenti da tenere dentro la fabbrica e fuori.

I commenti sono chiusi.