mercoledì 12 dicembre - Aggiornato alle 15:57

Dalla Conad a Cucinelli: ecco i giganti dell’Umbria per fatturato e utile

Esce l’Annuario economico di Esg89: censite anche 537 società della regione con volume d’affari compreso tra 5 e 50 milioni

©Fabrizio Troccoli

di C.F.

Conad, Acciai speciali Terni e Coop Centro Italia. Eccolo il podio dei pesi massimi dell’Umbria in termini di fatturato che emerge dall’Annuario economico dell’Umbria 2019-2020, che ha anche realizzato la classifica delle 537 società della regione con volume d’affari compreso tra 5 e 50 milioni di euro: loro, rispetto all’esercizio precedente, hanno incrementato il fatturato complessivo di oltre un miliardo, anche se un’azienda su quattro ha registrato una lieve contrazione del volume d’affari.

Ecco i giganti dell’Umbria per fatturato e utile A questo campione di aziende ha dedicato maggiore attenzione il Centro studi Esg89, che ha calato la lente su una platea di aziende distribuita prevalentemente nella provincia di Perugia (441) e principalmente operante nei comparti del commercio al dettaglio e all’ingrosso (117), seguito dalla meccanica (89) e dell’agroalimentare (64): «Si tratta – ha detto Giovanni Giorgetti, Ceo di Esg89 group editore dell’Annuario economico – perlopiù di aziende familiari, di prima o di seconda generazione dove l’innovazione e la digitalizzazione hanno iniziato a dare i frutti sperati e molte di loro risultano da tempo export oriented. Cosa manca? Una diffusa managerialità: durante la tre giorni del Glocal economic forum che ha preceduto la pubblicazione dell’Annuario economico è stata presentata la ricerca di mercato proprio su questo tema ed e’ emerso che la maggioranza delle medie imprese non hanno in pancia collaboratori-manager in grado di far fare il salto di qualità necessario». Ed è su queste 537 aziende che, sempre secondo Giorgetti, «l’Umbria può e deve scommettere per il futuro». Come ogni anno, poi,  il Centro studi Esg89 sforna la tradizionale classifica per fatturato delle: cooperativa PAC 2000 A Conad conferma la prima posizione con 3.014.785.000 euro, seguita da Acciai Speciali Terni con 1.684.764.846 euro e al terzo Coop Centro Italia con 847.870.000 euro. Nel podio per utile netto, poi, spicca ancora la leadership di Conad con 89.561.000 euro, secondo posto Acciai Speciali Terni con 87.087.112 euro, mentre il bronzo lo agguanta Brunello Cucinelli con 52.485.000 euro. Tutti in crescita i numeri delle top mille società di capitali censite nell’Annuario economico: fatturato aggregato +7,9%, utile netto aggregato +32%, patrimonio netto +6,8%, mentre sono 98 le società che hanno chiuso l’esercizio 2017 con una perdita.

@chilodice

I commenti sono chiusi.