Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 25 ottobre - Aggiornato alle 11:48

Compra e vinci di Confcommercio Terni: 150 esercizi aderenti, premi, collaborazioni e donazioni

Iniziativa che ha attivato sinergie e coinvolto anche Narni e Amelia, in campo Tte e I Pagliacci

Compro sotto casa perché mi sento a casa era il titolo della campagna promossa da Confcommercio Terni lo scorso Natale, in piena pandemia di Covid-19: «In un contesto di emergenza nell’emergenza» commenta il numero uno dell’associazione Stefano Lupi. È in quell’ambito che è stato realizzato un concorso a premi rivolto ai consumatori, denominato ‘Compra e vinci’, a cui hanno aderito oltre 150 esercizi dislocati tra Terni, Narni e Amelia. A tutti coloro che, nel periodo 18-24 dicembre 2020, hanno fatto acquisti nei negozi di prossimità aderenti all’iniziativa è stata offerta la possibilità di partecipare all’estrazione di premi in buoni acquisti del valore compreso tra 500 euro e 100 euro, per un totale di 2700 euro. Nel gennaio 2021, alla presenza di un funzionario della Camera di Commercio di Terni così come previsto dalla normativa in materia di concorsi a premi, è stata effettuata l’estrazione dei consumatori a cui abbinare i premi in buoni acquisto, da spendere a loro scelta in uno dei 150 negozi aderenti. I premi sono andati a consumatori di Terni ed Amelia che, a loro volta, hanno scelto di spendere i buoni nei negozi dei rispettivi territori. Quelli non ritirati sono stati donati all’associazione I Pagliacci.

Compra e vinci I risultati dell’iniziativa sono stati presentati giovedì mattina nel corso di una conferenza stampa, alla quale hanno partecipato anche l’assessore al commercio Stefano Fatale, Gianluca Bellavigna, Alessandro Scassini e Gastone Bizzarri in rappresentanza di Tte- Terni tech economy e Alessandro Rossi per l’Associazione I Pagliacci. «L’iniziativa – ha sottolineato Stefano Lupi, presidente Confcommercio Terni – perseguiva un duplice obiettivo: da un lato sostenere il piccolo commercio, fortemente colpito dagli effetti della pandemia; dall’altro evidenziare che la rete dei negozi di prossimità può continuare a svolgere un ruolo importante, soprattutto in termini di qualità del servizio che le grandi piattaforme del web non sono in grado di fornire. La condizione perché ciò avvenga è che si innovi profondamente nelle formule imprenditoriali; occorre che gli operatori si confrontino in modo adeguato e professionale con il tema della digitalizzazione e si
mettano in condizione di fare rete in modo strategico ed efficace. Il ruolo di una associazione è proprio quello di accompagnare ed assistere gli operatori in questo delicato e complesso processo di trasformazione, adoperandosi affinché anche le istituzioni, a tutti i livelli, mettano in
campo politiche adeguate a sostenere la competitività del sistema del commercio di prossimità.

Confcommercio «È importante evidenziare che se siamo riusciti a realizzare questa innovativa azione di consumer-promo – ha aggiunto Stefano Lupi – lo dobbiamo alla collaborazione con Ict labs Srl, una azienda ternana leader nel settore dei concorsi a premi a livello nazionale, che ha messo a disposizione gratuitamente la sua professionalità, ed alla sponsorizzazione dei premi da parte di Tte, un significativo e dinamico raggruppamento di imprese ternane del settore digitale. Al di là dell’importante messaggio di solidarietà tra settori economici, questa collaborazione dimostra ancora una volta come sia necessaria una visione integrata di sviluppo delle città e come sia fondamentale il ruolo delle aziende del digitale. La presenza di realtà locali ben strutturate, qualificate e molto competitive sul mercato nazionale e la loro indiscutibile funzione propulsiva in termini di innovazione e sviluppo, a nostro avviso, devono rappresentare un importante fattore strategico su cui puntare in termine di politiche di sviluppo del territorio, data l’orizzontalità del loro impatto. Siamo contenti che, grazie alla normativa in materia di concorsi, i premi non ritirati abbiano consentito di destinare buoni acquisto anche a favore dell’Associazione di volontariato I Pagliacci, permettendo così di realizzare importanti iniziative sul versante del sociale».

Terni «Esprimo il mio ringraziamento a Confcommercio per l’iniziativa – ha affermato l’assessore Stefano Fatale – e penso che fin da subito si possa già pensare a rinnovate progettualità in questo ambito, tenuto conto anche dell’importante risvolto economico e sociale che queste possono assumere, così come dimostra anche il coinvolgimento dell’Associazione i Pagliacci e dalle aziende del settore ICT. L’esperienza concretizzata da Confcommercio evidenzia come, con un approccio di sistema ed una attenzione che va al di là del singolo interesse, a fronte di difficoltà economiche anche nella nostra città, si possono realizzare obiettivi importanti». Ringrazio Confcommercio Terni – afferma Alessandro Rossi, presidente dell’Associazione I Pagliacci – per averci coinvolto in questa iniziativa. Grazie anche agli sponsor di Tte, l’assessore al Commercio, la collaborazione tra l’associazione, la città di Terni e tutto il tessuto economico e sociale è sempre stato un punto di forza per sostenere chi è in difficoltà. Il collante che unisce tutti noi è la solidarietà e l’aiuto sociale soprattutto in un contesto come quello
attuale, dove ancora la pandemia non ci rende totalmente liberi e crea disagi in particolare ai lavoratori autonomi. Le attività associative comunque non si sono fermate ma nel tempo ci siamo rimodulati creando nuovi spazi su cui intervenire. Proprio in questi giorni è iniziato un progetto di grande spessore umano ‘Ti abbraccio con un sorriso’, attività di sostegno alle famiglie con bambini oncologici, un momento di svago e di normalità nel nostro comprensorio, con il vostro sostegno riusciremo a regalare ancora più sorrisi a chi ne ha bisogno».

Tte Come Tte – sottolinea Gianluca Bellavigna – abbiamo voluto dare sostegno alla rete dei negozi di prossimità perché riteniamo che questi, andando oltre l’aspetto economico, continuano a svolgere un ruolo imprescindibile sul piano dell’animazione e del presidio sociale per la nostra comunità, così come abbiamo avuto modo di verificare anche durante il “lockdown”. Del resto le aziende del nostro raggruppamento rappresentano realtà dinamiche e in crescita ed è per questo che abbiamo ritenuto importante dare un segnale concreto di vicinanza ed attenzione al territorio. Mai come in questa fase di profonda trasformazione in direzione della digitalizzazione dei processi in molti settori economici, nel funzionamento delle città e più in generale della nostra vita quotidiana, le imprese del settore Ict possono costituire un volano per lo sviluppo di un territorio e un fattore per la competitività tra territori, sia sul piano della capacità di attrazione di investimenti privati che di residenzialità. È compito delle istituzioni locali però fare le scelte in merito ai modelli di sviluppo da perseguire sul
piano territoriale; come imprenditori siamo chiamati a confrontarci con un settore in continua evoluzione e dobbiamo fare in modo che le nostre aziende siano sempre competitive in ambito nazionale e non solo».

Lupi «Fondamentale – conclude il presidente di Confcommercio Terni Stefano Lupi – è il ruolo delle istituzioni locali alle quali chiediamo di attuare scelte nuove e coraggiose, per realizzare sinergie pubblico- private con cui mettere in campo le politiche attive in materia di rivitalizzazione del commercio, la definizione di innovative progettualità per lo sviluppo del territorio e per l’attrattività dello stesso. Come Confcommercio, da sempre ci siamo dichiarati disponibili al confronto sul terreno delle progettualità innovative, ed lo abbiamo dimostrato con azioni concrete. Siamo convinti che solo attraverso una stretta partecipazione dal basso si possano definire interventi pubblici in grado di attivare importanti investimenti privati e creare concrete prospettive di ripresa per il nostro territorio. Il confronto, l’approccio “bottom up” nella definizione degli obiettivi più rilevanti e l’applicazione del principio della sussidiarietà orizzontale sono elementi imprescindibili per garantire efficacia ed efficienza nelle politiche di sviluppo territoriale».

I commenti sono chiusi.