Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 22 gennaio - Aggiornato alle 00:41

Terni film festival Popoli e Religioni, in 9 giorni 40 mila spettatori da 50 Paesi

Boom di spettatori, il successo dell’edizione online: domenica il convegno Istess sui Protomartiri Francescani

Un’edizione quasi improvvisata, quella che si è svolta dal 7 al 15 novembre, visto che solo a due settimane dall’inizio (previsto al cinema Politeama) il dpcm del 25 ottobre ha costretto a rivedere completamente la formula. Sembrava una soluzione tampone, e invece ha visto il festival moltiplicare in modo esponenziale il successo, con otto volte più spettatori rispetto all’edizione 2019: 80 opere in concorso e 20 incontri in diretta in 9 giorni, per un totale di 40mila spettatori da 50 Paesi diversi.

Popoli e Religioni Questi i numeri della sessione online del Terni Film Festival 2020, andata in scena dal 7 al 15 novembre su Vimeo, Youtube e Facebook e che ha rappresentato la prima parte della sedicesima edizione della kermesse organizzata dall’Istess con Laboratorio Idea e associazione San Martino con il sostegno della Regione Umbria e il Ministero per i Beni culturali. A tracciare il bilancio il vescovo Giuseppe Piemontese, la direttrice dell’Istess Stefania Parisi, il presidente di San Martino Francesco Venturini e il direttore artistico Arnaldo Casali, con una conferenza stampa – ovviamente online. I film hanno avuto in tutto 15.464 visualizzazioni con una media i 1700 spettatori al giorno, con un picco di 8.358 per un solo film. La parte del leone, tra gli spettatori, la fanno gli ultra 65enni, che rappresentano il 44% del pubblico, il 22% è composto invece da persone tra i 45 e i 54 anni, il 9,3% da giovani tra 18 e 24 anni, il 7,7 i 35 e  i 44 anni e il 7% tra 25 e i 34.

Terni film festival Interessante il dato geografico: “Da quindici anni il festival ha una dimensione internazionale – spiega Casali – perché i film e gli ospiti vengono da tutto il mondo, sono state organizzate trasferte all’estero e di noi hanno parlato anche giornali stranieri, ma fino all’anno scorso il pubblico era composto al 99% da ternani. Quest’anno invece siamo stati seguiti da tutti i continenti”. Se gli 11 film (di cui 4 anteprime nazionali e due anteprime assolute), i 25 documentari e i 44 corti provengono da 22 paesi diversi e 5 continenti, il festival è stato seguito da ben 50 paesi. Il concorso ha visto presente l’Italia con 43 opere in gara, seguita da Israele e Francia (5 ciascuno), Germania, Turchia e Gran Bretagna (3), India e Polonia (2). Rappresentati anche Iran, Brasile, Marocco, Taiwan, Norvegia, Australia, Stati Uniti, Danimarca, Irlanda, Bhutan, Estonia, Austria, Portogallo e Russia. Gli spettatori, invece, oltre che dall’Italia, hanno seguito il festival dal Regno Unito, Brasile, Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Svizzera, Stati Uniti, Belgio, Russia, Perù, Olanda, Polonia, Australia, San Marino, Israele, Argentina, Estonia, Austria, India, Irlanda, Singapore, Giappone, Messico, Turchia, Grecia, Romania, Croazia, Norvegia, Albania, Panama, Ghana, Tailandia, Danimarca, Giordania, Bolivia, Canada, Ecuador, Malta, Città del Vaticano, Serbia, Kenia, Iraq, Ungheria, Colombia, Arabia Saudita e Marocco. E non è nemmeno mancato uno spettatore dal Vietnam.

Da David Zed a Maria Grazia Cucinotta Per quanto riguarda gli incontri in diretta, oltre 70 gli ospiti intervenuti in collegamento internet da una decina di paesi diversi tra i quali Libano, Ucraina, Svezia, Inghilterra, Polonia, Spagna e India. Tra questi Giorgia Surina, David Zed, Federico Ielapi, Luca Parmitano, Maria Grazia Cucinotta, Angelo Longoni, Giulio Base, Alberto Crespi, Michela Giraud, Ninni Bruchetta e Alberto Maggi; David Riondino è venuto a Terni per intervenire direttamente dallo studio allestito al Cenacolo San Marco mentre Marialuna Cipolla ed Eugenio Bennato hanno cantato e suonato in streaming. Gli incontri dal vivo hanno avuto – ad oggi – 24.844 spettatori (sommando le visualizzazioni su facebook e quelle su youtube) con una media di oltre 3200 al giorno; l’incontro più partecipato è stato quello organizzato in collaborazione con la questura per la presentazione del docufilm su Roberto Antiochia (poliziotto ternano ucciso dalla mafia nel 1985) con oltre 4200 visualizzazioni, di cui circa la metà in diretta.

Spettatori minimi 334 «L’incontro meno partecipato – continua Casali – ha avuto – ad oggi – 334 spettatori, ovvero più dei maggiori successi che abbiamo mai registrato al cinema, la cui capienza è di 300». Numeri che interrogano, quindi sul futuro del festival. Nonostante questo, hanno ribadito padre Piemontese e Stefania Parisi, il festival online non può sostituire l’incontro al cinema e dal 14 al 18 aprile è prevista la “seconda ondata” con nuovi incontri e le premiazioni al cinema Politeama. Intanto, il festival continua: oltre a rilanciare con cadenza settimanale gli eventi online su facebook e youtube, alcuni film torneranno visibili al pubblico nei prossimi giorni. Per Natale sono poi previsti quattro special “che ci aiuteranno a stare insieme e a condividere arte anche a distanza”. Sono previsti incontri, cortometraggi, video racconti, musica e molto altro.

Il progetto Innovater Il progetto Innovater, promosso dall’associazione San martino, Caritas e Laboratorio Idea con il sostegno della Regione Umbria e fondi europei ha partecipato al Terni film Festival con il suo laboratorio video e la presentazione di due documentari prodotti e realizzati dal progetto stesso e dai beneficiari dei laboratori che si organizzano gratuitamente. Il primo documentario presentato è quello relativo alle opere segno e di prossima distribuzione su piattaforme nazionali. Il secondo progetto è frutto del laboratorio audiovisivo con i minori non accompagnati del progetto casa di accoglienza di Amelia. «Con i ragazzi  – spiega Francesco Venturini – si sta realizzando un progetto di serie web sulla preparazione ad una partita di calcio, che diventa metafora del loro sogno e di speranza. Inoltre si è organizzato per l’intera settimana dal 7 novembre al 15 novembre, il primo “museo” della realtà virtuale. Attraverso prenotazione obbligatoria, e rispettando tutti i protocolli di sicurezza anti-covid-19, si è potuto realizzare un palinsesto di proiezioni per video a 360° e realtà virtuale in concorso al festival nella nuova sezione riservata alle opere in realtà virtuale e aumentata». Nell’arco della settimana decine di persone hanno prenotato e hanno potuto vivere questo tipo di esperienza immersiva. Tra le proiezione a 360° è stata presentato anche una produzione Innovater: Voce del verbo nonostante tutto. Inoltre il progetto ha preso parte attivamente a quattro dirette live del Festival, presentando il progetto e gran parte degli aspetti dei laboratori video.

Domenica 6 dicembre I protomartiri francescani in Marocco. Interpretazioni a confronto”: è il titolo del convegno organizzato dall’Istess con il sostegno della Direzione generale per l’educazione, la ricerca e gli istituti culturali del Ministero per i beni e le attività culturali e la collaborazione dell’Ufficio per i beni e le attività culturali della Diocesi di Terni Narni Amelia in occasione dell’ottavo centenario della morte dei cinque frati francescani – tutti originari della diocesi – uccisi in Marocco nel 1220. Il convegno si svolgerà domenica 6 dicembre in diretta streaming sui canali facebook e youtube dell’Istess a partire dalle 16.15. Moderato da padre Pietro Messa dell’Antonianum di Roma – vedrà la partecipazione di padre Giuseppe Piemontese (francescano conventuale e vescovo di Terni), Stefania Parisi (direttore dell’Istess), Luciano Bertazzo del Centro studi Antoniani di Padova, Christian Grasso dell’Istituto storico italiano per il Medioevo, Giuseppe Cassio (storico dell’arte) e l’iman Nader Akkad dell’Università Islamica al-Azhar. Il convegno affronterà il rapporto tra i protomartiri francescani e sant’Antonio di Padova, le prime missioni francescane, l’iconografia dei protomartiri, e il rapporto tra francescanesimo e islam. Nel corso del convegno verrà anche proiettato – in anteprima assoluta – il cortometraggio Santi per attrazione di Riccardo Leonelli, prodotto dall’Istess e dedicato proprio alla storia dei cinque frati martiri. Il convegno storico rappresenta la seconda parte di una “triologia” di appuntamenti inseriti all’interno del focus francescano del Terni Film Festival, iniziata con il corto Frate foco e Frate Lago (dedicato al passaggio di Francesco d’Assisi sul lago di Piediluco) presentato in anteprima al festival e tuttora disponibile sul sito dell’Istess e che si concluderà con la “seconda ondata” di aprile altri eventi.

I commenti sono chiusi.