domenica 23 febbraio - Aggiornato alle 01:33

Prinz intervista Dj Ralf per Fiorivano Le Viole: tutto sull’appuntamento a Perugia

Un salottino esclusivo per la straordinarietà dell’evento ma aperto a tutti. L’icona del night clubbing è in centro storico a Perugia

Dj Ralf

Un pomeriggio di chiacchiere, e non solo, al Pab di Fiorivano le Viole in compagnia di Dj Ralf e Gianluca Prinz Liberali. L’occasione sarà la giornata di tesseramento dell’associazione che da anni opera nel quartiere intorno a via della Viola per il risanamento della zona. Tanti gli amici che negli anni hanno sostenuto il progetto di Fiorivano le Viole con le loro capacità, la loro arte, la loro presenza. Questa la volta di un grande nome del panorama musicale italiano, DJ Ralf, e di un  amico dell’associazione, Gianluca Liberali, profondo conoscitore dell’universo musicale.

DjRalf «La grandezza di Ralf è quella di essere riuscito ad esprimere le sue idee attraverso l’impegno artistico, evitando sempre narcisismi, quindi sarà curioso esplorare il percorso di una leggenda rimanendo sempre nel suo campo vitale: la musica». Questo risponde Gianluca Liberali aka Prinz alla richiesta di un commento veloce sull’appuntamento di giovedì 30 con Dj Ralf. Un divano, un microfono e quattro chiacchiere; un sapore quasi di intimità, un appuntamento per conoscersi e condividere in pieno stile Fiorivano le Viole. Non solo musica ma racconti, ricordi, riflessioni, approfondimenti e tutto quanto Gianluca Liberali riuscirà tirar fuori dell’eclettico mondo di Antonio Ferrari, noto ai più come DJ Ralf. Antonio, classe 1957, noto a tutti come icona del night clubbing italiano e non solo, dal 1987 ad oggi, lo abbiamo visto da poco sulle spiagge italiane, in alcune delle date del Jova Beach Tour. Il suo percorso formativo è radicato nello spaccato della musica rock e già nei primi anni 80 si esprime nei locali alternativi nella città di Perugia come “Lacugnana”, “Story Teller” e “Norman e il Presidente”. Una tipologia di club innovativi all’interno dei quali Dj Ralf esprime i propri gusti, libero nel mixare generi musicali diversi tra loro e proponendo un sound completamente nuovo rispetto ai rigidi schemi stilistici dell’epoca. Da qui spicca il volo e arrivano l’incontro con la musica house nella Grande Mela, l’Ultra Violet, l’etichetta musicale, l’Alma di Ibiza, le collaborazione con grandi nomi della musica, la contaminazione con il jazz elettronico (progetto R.Ha.R.F. con G. Guidi, G. Petrella, L. Ramadori, Fresco ed E. Rava) e tutto quanto ci racconterà, dalla sua viva voce, nell’appuntamento sul divano di Fiorivano le Viole. ‘Ci interessa il cuore, l’intelletto, l’inconscio …’ così si chiude il manifesto di Fiorivano le Viole.

 

Gianluca Liberali Da Rieti arriva a Perugia per diventare avvocato, gli studi ai quali si dedica per tutta la sua carriera universitaria, ma è evidente da subito che il suo cuore si entusiasma per altro … l’arte, la condivisione e soprattutto la musica. Chi ha studiato a Perugia nei suoi stessi anni ( e non solo) lo conosce come Prinz, quello dell’indimenticabile Loop Cafè, quello che firma i progetti musicali più innovativi e di qualità, i concerti, le serate, quello che porta a Perugia nomi interessanti ma sconosciuti e che poco dopo diventano famosissimi (The Niro, Brunori Sas, Nina Zilli…solo per citarne alcuni) e quello che sullo stesso palco porta icone italiane come Federico Fiumani. Sempre grazie all’ecletticità di Prinz e alla sua capacità di riconoscere il bello, abbiamo oggi due progetti musicali che raccolgono l’eredità delle parole del grande Paolo Vinti, oratore rivoluzionario e filosofo contemporaneo perugino. Cosmo Rosso e Celeste Impero sono i titoli dei due dischi in cui Prinz, in veste da Dj, musica e remixa alcune declamazioni di Paolo. Oggi Gianluca Liberali è direttore artistico di numerosi eventi cittadini, collabora con una delle realtà più attive nella programmazione di concerti con i grandi nomi della musica nel panorama nazionale e internazionale.

Fiorivano le Viole E’ una A.p.s. (associazione di promozione sociale) nata a novembre 2012 per volontà di un gruppo di residenti del quartiere del centro storico perugino sito intorno a via della Viola. In un momento di grandissimo degrado urbano, con il centro cittadino in mano allo spaccio e alla delinquenza, nasce l’associazione con l’intento di riportare il quartiere alla rinascita attraverso la condivisione, la cura degli spazi e degli altri, l’arte. Con la voglia di riaccendere le luce di tutti gli spazi urbani ormai abbandonati, di tornare a popolare le strade in una comunione di solidarietà, apertura, accoglienza Fiorivano le viole lavora sodo in formula di volontariato e con la collaborazione di tutti quanti hanno creduto e credono nel progetto mettendo a disposizione tempo e capacità. Dopo 8 anni, il quartiere intorno a via della Viola, si può definire rifiorito

I commenti sono chiusi.