Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 3 dicembre - Aggiornato alle 14:48

Premio letterario ‘Clara Sereni’, annunciati i finalisti: Segre e Veltroni in giuria e alla cerimonia a Perugia

La premiazione dei vincitori della prima edizione del concorso nazionale, presentata dallo scrittore Paolo Di Paolo, in programma a novembre alla Sala dei Notari

Clara nella casa di Roma (archivio famiglia Sereni)

di D.N.

Entra nel vivo la prima edizione del Premio letterario nazionale Clara Sereni. Sono stati resi noti i 10 finalisti della categoria “Romanzo inedito” (Luisella Dal Pra, ‘Una questione d’amore’; Martina Del Negro, ‘Di destini imperfetti e invisibili fili’; Luca Gasparini, Mountgate; Massimo Gualmini, ‘Anna come sono tante’; Maria Marchese, ‘Le due sponde della mia vita’; Annalisa Pacinotti, ‘Carne della mia carne’; Cristina Pacinotti, ‘La vecchia rapita’; Valentina Semprini, ‘L’ombra del padre’; Anna Vasquez, ‘Quei passi’; Marina Zinzani, Kintsugi) e quelli della categoria “Raccolta di racconti inediti” (Marisa Andalò, ‘La gatta smarrita’; Paola Cimatti, ‘Lo sguardo di Bianca’; Matteo Ciocci, ‘C’è adesso’; Simona Esposito, ‘Le isteriche’; Valentina Fantasia, ‘Stella maris’; Sandra Frenguelli, ‘Sostenibile leggerezza’; Rossella Ghizzani, Cocci; Silvia Meacci, ‘E ovunque donne che parlavano la mia stessa lingua’; Giovanna Miceli Jeffrey, ‘La cura’; Francesco Mosiello, ‘Cose che capitano’).

Segre e Veltroni alla premiazione Sabato 21 novembre, alle 17, alla Sala dei Notari di Perugia, la cerimonia di premiazione, presentata dallo scrittore Paolo Di Paolo, dove saranno proclamati i vincitori di tutte le categorie alla presenza della Giuria Specialistica, presieduta da Walter Veltroni e Liliana Segre, e di altri ospiti del mondo culturale italiano. “Le opere in concorso – spiegano dal Premio – denotano un’attenzione alle tematiche proposte nel Bando, tenendo conto delle varie declinazioni possibili nei diversi generi. I temi, come è noto, riguardavano il mondo femminile e quello sociale, compresi il disagio e le fragilità, argomenti sicuramente non facili da affrontare in narrativa soprattutto da esordienti. E invece la sorpresa: non solo donne, ma categorie e scritture molto diverse tra loro hanno partecipato a questa prima edizione, giovani e meno giovani dall’Italia e dall’estero hanno inviato manoscritti. Siamo pienamente soddisfatti del risultato raggiunto – proseguono dall’organizzazione – e il nostro ringraziamento va a tutti i partner di questa prima edizione, in particolar modo alla famiglia Sereni, ad ali&no editrice, all’Associazione culturale Officina delle Scritture e dei Linguaggi e soprattutto al Comune di Perugia che ci ha creduto fin dall’inizio e con cui abbiamo condiviso tutti i passaggi in questo anno così travagliato. La partecipazione e il patrocinio dell’UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane), dell’Università degli Studi di Perugia (che ha offerto anche crediti formativi agli studenti partecipanti alla Giuria Popolare per gli editi), ma anche il prezioso sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e della Fondazione Giordano, insieme a quello del Centro per le Pari Opportunità della Regione Umbria e di Banca Etica hanno giocato un ruolo molto importante, insieme a tutte le persone che con noi hanno voluto fare rete”.

I commenti sono chiusi.