Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 6 febbraio - Aggiornato alle 23:43

Perugia, il Post chiuso da mesi tra crisi, dimissioni e una condanna da 128 mila euro

Del futuro del Museo della scienza si è tornati a parlare mercoledì grazie a un’interrogazione di Maddoli. Cda scaduto ma prorogato

Il cancello chiuso del Post (foto F.Troccoli)

di D.B.

Non c’è pace per il Post, il Museo della scienza di piazza del Melo, a Perugia. Del futuro della struttura si è tornati a parlare mercoledì in consiglio comunale grazie all’interrogazione di Lucia Maddoli (Idee persone Perugia), che ha chiesto lumi alla giunta sul perché il museo sia chiuso da mesi, sui tempi di nomina dei nuovi membri del cda e in generale sulle prospettive future del Post. Salvo due settimane per i centri estivi, il museo è chiuso ormai da giugno: «Tale chiusura, a tempo indefinito, è accompagnata – ha ricordato Maddoli – dalla mancata predisposizione di un’offerta didattica per l’anno scolastico 2022/2023 che preclude di fatto la possibilità alle scuole della città e della Regione di poter usufruire di attività didattiche».

La crisi Rispondendo all’interrogazione l’assessore al Turismo Gabriele Giottoli ha spiegato in primis che il Post «negli ultimi anni ha subito una drammatica riduzione dei finanziamenti da parte del Ministero dell’Istruzione, tanto che dal 2020 a oggi non vi è stato dal Governo nazionale alcun trasferimento di risorse». Una crisi ulteriormente aggravata dalla pandemia e dal contenzioso, instaurato da alcuni ex dipendenti, che ha portato alla condanna per una somma di 128 mila euro. Come se non bastasse, lo scorso anno vista la situazione precaria cinque dipendenti si sono dimessi. «Nonostante tutto – ha proseguito Giottoli – Comune e cda hanno cercato di portare avanti l’attività del museo mantenendo i rapporti con le scuole e garantendo animazione in vari eventi, comprese le feste di quartiere». Cda il cui mandato è stato prorogato «al fine di evitare ulteriori problematiche».

I MOTIVI DELLA CRISI DEL POST  

Aperture e chiusure Quel che è certo è che non si tratta della prima profonda crisi attraversata dal Post. Nel 2019, poco prima delle elezioni comunali, si tennero degli «stati generali» per cercare di trovare una via d’uscita. Qualche mese dopo, a novembre, grazie alle risorse dei soci (Comune, Provincia e Regione) il museo ha riaperto, mentre un anno più tardi sono arrivati i servizi collegati al Digipass. Nel maggio 2021 l’ulteriore riapertura con una mostra dedicata al mondo Apple. Sul sito, il Post spiega che il museo è «momentaneamente chiuso» per l’«allestimento di una nuova mostra». Proprio mercoledì, intanto, sui suoi canali social il Post ha annunciato che il 4, 11 e 18 dicembre torneranno i laboratori di Natale gratuiti dedicati a bambini e ragazzi; per le prenotazioni si può chiamare lo 0755736501 dalle 9 alle 13.30.

I commenti sono chiusi.