Quantcast
mercoledì 8 dicembre - Aggiornato alle 17:20

Dopo ‘Massive Attack’ altro colpaccio di Umbria Jazz. C’è David Byrne

Appuntamento al 20 luglio con il vincitore di un Oscar, un Golden globe e due David di Donatello

La notizia arriva a pochi giorni da quella che vede riconosciuta Umbria jazz come evento nazionale finanziato dal ministero per un milione di euro l’anno e, a poche ore, da quella che vuole i Massive Attack al Santa Giuliana il prossimo luglio. Arriva il secondo ‘colpaccio’ a Umbria jazz 2018.

UJ, EVENTO NAZIONALE DA 1 MILIONE DI EURO

Il prossimo 20 luglio Fondatore dei Talking Heads nel 1974, creatore della Luaka Bop, produttore discografico, fotografo, regista, autore, musicista (iscritto nel 2002 nella Rock & roll Hall of fame) e infine artista, David Byrne è un talento multiforme ed in continua evoluzione. Sarà il 20 luglio a Umbria Jazz.

COLPACCIO: MASSIVE ATTACK AL SANTA GIULIANA

Oscar, Golden e David Americano di ogirine scozzese, ha vinto, nella sua lunga e intensa carriera, un Oscar ed un Golden Globe nel 1988 per la migliore colonna sonora (“L’Ultimo Imperatore”, con Sakamoto) e due David di Donatello nel 2012. Non bastasse, Byrne continua ad esporre visual art da oltre un decennio. Tra le sue più recenti opere vi sono “Joan of Arc: Into the Fire”, rivisitazione teatrale della storia di Giovanna D’Arco; “The Institute Presents: Neurosociety”, una serie di installazioni interattive create in collaborazione con PACE Arts + Technology; “Contemporary Color”, un evento ispirato alla tradizione folk americana; “Here Lies Love”, una produzione teatrale di 22 composizioni realizzate in collaborazione con Fatboy Slim sulla vita di Imelda Marcos.

Nella storia della muscia Ha inoltre scritto un libro, ‘How Music Works’, tradotto anche in italiano, che è uno studio sulla storia, l’esperienza e l’aspetto sociale e sociologico della musica. David Byrne ha lasciato comunque un segno forte nella storia della musica contemporanea con i Talking Heads, band sperimentale e d’avanguardia che ha rappresentato una delle colonne portanti della new wave americana. Successivamente (ma anche contemporaneamente) ai Talking Heads, Byrne ha intrapreso dal 1981 una intensa carriera solista, collaborando con artisti come Brian Eno, Ryuichi Sakamoto, St. Vincent. La sua passione per la world music lo ha portato a fondare la Luaka Bop, etichetta per cui hanno inciso Os Mutantes, Jim White, Los De Abajo, Atomic Bomb Band.

2 risposte a “Dopo ‘Massive Attack’ altro colpaccio di Umbria Jazz. C’è David Byrne”

  1. Bruno guardamagna ha detto:

    Si chiama ancora Umbria jazz ,ma sta diventando Umbria rok, come già successo in Svizzera. Questo non va assolutamente bene, anche perché i soldi sono pubblici. VERO Pagnotta?Vogliamo jazz A Umbia Jazz. Sembra ov vio, ma evidentemente non lo è!!Cosa c’entrano i Massiv Attach col Jazz?Sarò costretto a non andare più a Perugia!

  2. Alfredo Serafini ha detto:

    e cosa è jazz? mi sembra che siamo fermi ai commenti su “bitches brew”…

Rispondi a Bruno guardamagna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.