Quantcast
martedì 7 dicembre - Aggiornato alle 01:29

Le ‘barriere’ di Umbria Jazz dimezzano le piazze: 1,2 persone ogni metro quadrato

Ecco dove saranno i varchi per limitare gli accessi ai concerti gratuiti davanti alla Fontana Maggiore e ai giardini Carducci

di Enzo Beretta

Perugia si prepara finalmente ad accogliere Umbria Jazz. L’evento del 2017 – in programma da venerdì 7 a domenica 16 luglio – sarà un po’ diverso rispetto alle precedenti edizioni poiché il piano sicurezza disposto dalla Prefettura comporta alcune restrizioni per gli amanti della buona musica. Le limitazioni riguarderanno per lo più le aree in cui si svolgono i concerti pubblici e cioè piazza IV Novembre e i giardini Carducci. Alcuni concerti saranno a ‘numero chiuso’ poiché quando le piazze si riempiranno – gli indicatori suggeriscono una media di 1,2 persone per ogni metro quadrato – steward e polizia impediranno gli accessi. Tradotto: se senza limitazioni piazza IV Novembre ospita 10 mila i numeri si dimezzeranno (forse anche meno di 5 mila) mentre ai giardini Carducci da tremila si passerà a 1.500 spettatori.

UJ 2017, QUESTORE: CONCERTONI A NUMERO CHIUSO

I varchi Ci saranno dei varchi: il primo lungo corso Vannucci per coloro che vorranno assistere ai concerti sotto al palco più grande. Poco dopo l’ingresso di Palazzo dei Priori, in prossimità dei mixer, ci saranno le transenne a delimitare l’area di piazza IV Novembre. Il passaggio sarà sorvegliato e allargato in base alla situazione. Si potrà arrivare lì da via Fani, da via Mazzini, arrampicandosi lungo via Danzetta o entrando nel pieno corso direttamente da piazza Italia. Se piazza IV Novembre non è piena – verranno utilizzati i conta persone – sarà consentito l’accesso ma la novità è che da dove si entra non si esce. Gli spettatori che cambieranno idea potranno tornare indietro passando da via Calderini oppure allontanarsi verso Maestà delle Volte o in direzione piazza Danti (da dove, allo stato, non si può entrare).

Barriere anche ai giardini Carducci Se a piazza IV Novembre le ‘barriere’ verranno installate solamente in occasione dei concerti, quindi dal tardo pomeriggio in poi, tra la Banca d’Italia e il vertice di piazza Italia si alzeranno da mezzogiorno fino alle due di notte. Anche lì verrà seguito lo stesso criterio: per allontanarsi dai Giardini Carducci si potranno scendere le scalette verso viale Indipendenza oppure costeggiare la Prefettura – obiettivo sensibile nelle misure antiterrorismo – o ancora meglio affacciarsi al Punto di Vista dopo aver sorpassato il palco. «L’obiettivo – spiega la questura – è quello di favorire il passaggio pedonale nel centro storico». Perciò orientando i flussi dei passeggiatori che, inevitabilmente e più degli altri anni, si accalcheranno su corso Vannucci.

Prolungamento orario minimetrò Per l’edizione 2017 di Umbria Jazz il minimetrò prolungherà l’orario: ultima corsa alle 1.45. Non è consentito il trasporto di biciclette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.